Giovedì, 20 gennaio 2022 - ore 14.11

Stress idrico in Europa: situazione sempre più preoccupante

Quasi un terzo della popolazione europea è colpita da stress idrico, ma peggiorerà

| Scritto da Redazione
Stress idrico in Europa: situazione sempre più preoccupante

Circa il 30% della popolazione europea è colpita da stress idrico durante un anno medio. La situazione dovrebbe peggiorare poiché il cambiamento climatico sta aumentando la frequenza, l’entità e l’impatto della siccità. Una valutazione dell’Agenzia europea dell’ambiente (AEA) pubblicata ieri presenta lo stato attuale dello stress idrico in Europa con l’obiettivo di concentrarsi sulla gestione dei rischi di disponibilità idrica a causa degli impatti del cambiamento climatico.

Il rapporto dell’AEA “Risorse idriche in Europa — affrontare lo stress idrico: una valutazione aggiornata” presenta le ultime conoscenze sulla disponibilità di acqua in Europa sostenendo il passaggio dalla gestione delle crisi alla gestione del rischio, includendo l’attenzione a più misure che affrontano il consumo di acqua.

Lo stress idrico — una situazione in cui non c’è abbastanza acqua di qualità sufficiente per soddisfare le esigenze delle persone e dell’ambiente — è già una realtà in molte parti d’Europa. Siccità e scarsità d’acqua non sono più eventi rari o estremi in Europa e circa il 20% del territorio europeo e il 30% degli europei sono colpiti da stress idrico durante un anno medio, afferma il rapporto dell’AEA.

Si prevede che i cambiamenti climatici aggraveranno il problema, poiché le siccità stanno aumentando di frequenza, entità e impatto. Le tendenze sono particolarmente preoccupanti per l’Europa meridionale e sudoccidentale, dove la portata dei fiumi durante l’estate potrebbe diminuire fino al 40%, in uno scenario di aumento della temperatura di 3°C. In quelle aree, l’agricoltura, l’approvvigionamento idrico pubblico e il turismo esercitano le principali pressioni sulla disponibilità idrica con picchi stagionali significativi in ​​estate.

Nel complesso, l’Europa deve rafforzare la resilienza dei suoi ecosistemi e utilizzare l’acqua in modo più efficiente per ridurre al minimo l’impatto dello stress idrico sulle persone e sull’ambiente. Secondo la valutazione dell’AEA, esistono politiche e regolamenti a livello europeo per affrontare entrambi questi problemi, ma la loro attuazione ed efficacia devono essere migliorate.

(Fonte AEA)

144 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria