Domenica, 24 giugno 2018 - ore 22.40

(Telef.) Luciano Pizzetti (Pd) : Il Job Acts va migliorato e la concertazione deve diventare uno strumento delle riforme

Con Luciano Pizzetti , Senatore del PD e sottosegretario del Governo Gentiloni , in questa telefonata affrontiamo i temi del lavoro. Il Job Acts è stato un atto fondamentale del Governo Renzi ed uno dei punti molto critici nei rapporti con il sindacato, Cgil in particolare, e con la minoranza interna.

| Scritto da Redazione
(Telef.) Luciano Pizzetti (Pd) : Il Job Acts va migliorato e la concertazione deve diventare uno strumento delle riforme (Telef.) Luciano Pizzetti (Pd) : Il Job Acts va migliorato e la concertazione deve diventare uno strumento delle riforme

La telefonata con  Luciano Pizzetti (Pd) : Il Job Acts va migliorato e la concertazione deve diventare uno strumento delle riforme

Con Luciano Pizzetti , Senatore del PD e sottosegretario del Governo Gentiloni , in questa telefonata affrontiamo i temi del lavoro. Il Job Acts è stato un atto fondamentale del Governo Renzi ed uno dei punti  molto critici nei rapporti con il sindacato, Cgil in particolare, e con la minoranza interna.

In questa campagna elettorale  la Lega di Salvini lo vuole radicalmente cambiare, il M5S modificare, Liberi e Uguali correggere  per reintrodurre  la reintegra dell’ex art. 18, Forza Italia invece lo vuole mantenere pur apportando profonde modifiche ad oggi non chiare.

Ed il Partito Democratico ? In questa conversazione Pizzetti, nel ritenere giusto l’impianto della legge che ha permesso di attivare circa un milione di posti di lavoro, ritiene che debba essere migliorato in alcuni punti quali ad esempio l’ introduzione del  salario minimo orario, l’aumento dell’indennità di fuoriuscita dal lavoro nel caso di licenziamento ingiustificato e rafforzando radicalmente  misure che rendano conveniente  la creazione di posti di lavoro a tempo indeterminato.

‘Chi vuole abolire il provvedimento- afferma Pizzetti-  deve anche dire con che cosa possa e debba  essere sostituito e quali misure assumere per sostenere il lavoro’.

Un altro punto critico del   governo Renzi fu di fatto la cancellazione della pratica politica della concertazione con l’annullamento dei ruolo del sindacato Cgil-Cisl-Uil  e degli altri corpi intermedi.

Il Governo Gentiloni  ha riaperto questo dialogo con le parti sociali e Pizzetti chiude l’intervista affermando che il ‘ futuro deve essere  un nuovo modello di concertazione  come strumento delle riforme di cui il paese ha bisogno’.

Red/welfare/gcst

Allegati audio:

Audio 1:

1649 visite

Articoli correlati