Sabato, 25 giugno 2022 - ore 15.15

Testo intervento del sindaco per Cerimonia al Famedio

BRESCIA

| Scritto da Redazione
Testo intervento del sindaco per Cerimonia al Famedio

 

Una Comunità si deve poggiare su solide fondamenta.

Deve sapere quale è la sua natura, il suo profilo, la sua provenienza.

Deve coltivare una sua Identità.

Se vuole farlo ha solo una strada da percorrere, proiettare nel presente la sua memoria e così cementificare la sua struttura morale.

Sono i costumi, i valori, la qualità delle sue relazioni, la sua tensione alla concordia ma anche alla Verità che ne determinano il profilo.

E Sono le testimonianze dei suoi cittadini che ne definiscono concretamente il volto.

Ogni città ha la sua identità e Brescia ne ha una.

Certo ricca di sfumature, segnata dalla sua multiforme composizione sociale, modellata dalla sua Storia fatta di eventi felici e ed eventi luttuosi, di grandi emigrazioni e tumultuose immigrazioni.

Ma la sua identità c’è.

Ed è figlia dell’accoglimento e dell’apprezzamento da parte di chiunque la incontra o viene, del suo sedimento valoriale.

Città laboriosa ma dalla forte tensione ideale.

Città ricca ma generosa.

Dura come la roccia della sua origine, ovvero la pietra della collina del Cidneo, Bric, Brixia.

Ma morbida e delicata quando deve aprire le braccia a chi ne ha bisogno.

Certo una comunità, carica di contraddizioni, ma dai tratti chiari ed evidenti.

Le biografie del Famedio sono come una mappa, dei segnali di direzione.

Delle pietre lungo la strada che ci riconducono, nel luogo dove dobbiamo stare, al caldo della nostra casa comunitaria.

Insieme questo popolo si è fatto apprezzare ed amare, seguendo una dimensione di solidarietà collettiva.

Non corse individuali ma testimoni di sartorie collettive magistrali.

Tutte protese a creare il vestito giusto per affrontare le sorprese e le avventure della Storia.

Molte biografie, come quelle che anche oggi trovano la loro onorata collocazione nel nostro Famedio, hanno avuto una statura nazionale. Si sono fatte onore in una dimensione ben più estesa dei nostri confini.

Ma sempre mantenendo quel profilo, solido e discreto di chi sa che è nelle radici che trovi la chiave per non disperderti e non disorientarti.

Grazie quindi al dott. Mario Zorzi, al Prof. Giuseppe Frigo, alla dott.ssa Agape Nulli, all’Avv. Cesare Trebeschi

Se Brescia è una delle più importanti e stimate città d’Italia, lo si deve anche a voi.

Siete Fari luminosi e per sempre indimenticabili esemplari testimoni di Brescianità.

 

Emilio Del Bono

Sindaco di Brescia

 

739 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria