Lunedì, 10 agosto 2020 - ore 20.48

TRASPORTO AEREO: ANCHE AIR ITALY NEL TUNNEL DELLA CRISI Dario Balotta , presidente ONLIT

UN SETTORE IN CRISI MA IPER SUSSIDIATO Crescono i passeggeri del trasporto aereo in Italia da 184 milioni del 2018 a 193 milioni (+ 4%) nel 2019 ma il settore resta in profonda crisi.

| Scritto da Redazione
TRASPORTO AEREO: ANCHE  AIR ITALY NEL TUNNEL DELLA CRISI Dario Balotta , presidente ONLIT

TRASPORTO AEREO: ANCHE  AIR ITALY NEL TUNNEL DELLA CRISI Dario Balotta , presidente ONLIT

UN SETTORE IN CRISI MA IPER SUSSIDIATO  Crescono  i passeggeri del trasporto aereo in Italia  da 184 milioni del 2018 a 193 milioni (+ 4%) nel 2019 ma il settore resta in profonda crisi.

Mentre l’Alitalia, continua la sua agonia grazie ai prestiti ponte statali (ora sotto indagine europea) e con un ricorso agli ammortizzatori sociali (di lusso) per migliaia di addetti, ora chiude la seconda compagnia con base italiana. Solo due anni fa con l’ingresso degli arabi di Quatar Airways con il 49% del capitale veniva annunciato uno sviluppo stratosferico che invece non c’è stato. Non c’è stato l’arrivo promesso di 50 nuovi aerei e le ambiziose previsioni di traffico sono state smentite subito da una gestione fallimentare con gli ultimi due esercizi chiusi con pesanti deficit. Ad oggi erano rimasti in servizio 3 Airbus 330 e 2 Boeing 737 . Nonostante l’ottimismo dei Governi che non hanno mai controllato la concretezza dei piani industriali il settore è entrato nel tunnel della crisi aggravato da una proliferazione degli aeroporti, ben 39, che disperdono qualsiasi economia di scala e produttività del comparto. L’impatto economico degli aeroporti sul Pil italiano è al di sotto quello della media europea. I livelli di efficienza e competitività di compagnie aeree scali italiani La produttività media degli scali italiani è di 4,8 milioni di passeggeri anno, quelli francesi sono a 5,6 milioni, 7 gli spagnoli, 10,8 quelli tedeschi e 11,6 quelli inglesi. Air Italy diventa  la punta di un iceberg tutto italiano nonostante che le compagnie aeree che volano in Italia da Ryanair (che fa la parte del leone) ad Alitalia, Easy Jet, Air Italy e Volotea  vengano sussidiate dagli aeroporti italiani (in prevalenza di proprietà degli enti locali) con un intervento  di 250 milioni anno. Ma lo sviluppo resta una chimera.

Dario Balotta , presidente ONLIT

(Osservatorio Nazionale Liberalizzazioni Infrastrutture e Trasporti)

Milano 11 febbraio 2020

263 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online