Lunedì, 15 aprile 2024 - ore 15.02

Ucraina: miliziani russi abbattono tre aerei dell'esercito ucraino

Un velivolo da trasporto dell'Esercito ucraino di categoria IL-76 è stato abbattuto dai miliziani russi

| Scritto da Redazione
Ucraina: miliziani russi abbattono tre aerei dell'esercito ucraino

49 militari morti in seguito all'abbattimento di un velivolo militare da trasporto di categoria IL-76 dell'esercito ucraino da parte dei miliziani russi a Luhansk, mentre altri due velivoli sono stati abbattuti vicino a Donetsk. Dopo avere strappato Maryupol ai russi, Il Presidente ucraino, Petro Poroshenko, chiude il confine con la Russia.C'è chi in Italia li dipinge come angeli che combattono contro pericolosi nazisti, ma la realtà dei fatti -puntualmente ignorata da chi fa di tutto per gettare in cattiva luce gli ucraini- dimostra che i veri aggressori in Ucraina sono i russi.Nella giornata di sabato, 14 Giugno, un velivolo da trasporto dell'Esercito ucraino di categoria IL-76 è stato abbattuto dai miliziani russi presso l'aeroporto di Luhansk, dove l'aereo, coinvolto nelle operazioni antiterrorismo di Kyiv, sarebbe dovuto atterrare.Come riporta una nota ufficiale, a causa dell'agguato, operato dalla contraerea di cui sono ben dotati i miliziani russi che occupano le regioni orientali dell'Ucraina, sono morte 40 soldati della 25 Brigata di Dnipropetrovsk, più 9 militari ucraini dell'equipaggio.Pronta è stata la riposta del Presidente ucraino, Petro Poroshenko, che ha promesso una riposta dura contro chi infrange l'integrità territoriale dell'Ucraina ed impedisce la pace nell'est del Paese.Poroshenko ha anche dichiarato di avere completato con successo la chiusura del confine russo-ucraino, e, sopratutto, di avere strappato ai miliziani russi la città di Maryupol, nella quale è stata spostata l'amministrazione regionale di Donetsk."Chi mette a serio repentaglio la pace in Ucraina riceverà una risposta risoluta -ha dichiarato Poroshenko- Ho ricevuto il sostegno di molti Capi di Stato e di governo di Paesi del mondo, che hanno espresso la loro vicinanza all'Ucraina".Gli USA contestano la Russia per l'invio di armi illegale nel Donbas.Oltre alla Francia, al cui Presidente, Francois Hollande, Poroshenko ha chiesto l'accelerazione della firma dell'Accordo di Associazione UE-Ucraina, tra i Paesi vicini a Kyiv ci sono gli Stati Uniti d'America.

Come dichiarato, con una nota, dal Dipartimento di Stato USA, ci sono prove tangibili che la Russia ha invitato in Ucraina orientale armamenti utilizzati contro l'esercito ucraino, come quelle riportate da diversi media indipendenti, che hanno fissato il transito di carri armati e camion carichi di soldati e munizioni nelle località di Torez, Makyeyevka e Snizhne.Pronta risposta alle dichiarazioni di Poroshenko e del Dipartimento di Stato USA è provenuta dai miliziani filorussi, che dopo essersi fatti fotografare sulle rovine del velivolo abbattuto a Luhansk, hanno dato notizia di un secondo abbattimento.Secondo il dispaccio, non confermato dalle Autorità ucraine, la contraerea dei miliziani russi avrebbe abbattuto due SU-24 dell'esercito ucraino presso la città di Horlivka, a pochi chilometri da Donetsk.

Matteo Cazzulani, Analista Politico di Europa Centro-Orientale Twitter @MatteoCazzulani

 

 

1853 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

TRONDHEIM- È già presente sul web con una pagina facebook appena lanciata e si prepara a presentarsi dal vivo anche ai connazionali: parliamo dell’associazione “Italiani a Trondheim - Itat” nata – si legge sul sito web – per “perseguire le finalità di solidarietà civile, culturale e sociale volte alla promozione dell’integrazione e dell’aggregazione della comunità italiana a Trondheim e in Norvegia”.
AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

Il valore aggiunto dei Gruppi Europei di Cooperazione Territoriale (Gect) nella politica di coesione post 2020 è il tema al centro dei due giorni di lavoro che coinvolgeranno istituzioni europee e partner transfrontalieri partecipanti al progetto Fit4Co Fit for Cooperation e che si svolgeranno a Trieste oggi e domani, 11 e 12 aprile, nel salone di rappresentanza del palazzo della Regione Friuli Venezia Giulia in piazza Unità d'Italia.