Domenica, 26 giugno 2022 - ore 22.51

UIL Scuola INSEGNANTI DI SOSTEGNO / SI PROMETTONO INVESTIMENTI MA SI PENSA DI RIDURRE GLI ORGANICI

Turi: modello italiano di inclusione ammirato in Europa. Attenzione a non fare danni irreparabili

| Scritto da Redazione
UIL Scuola INSEGNANTI DI SOSTEGNO / SI PROMETTONO INVESTIMENTI MA SI PENSA DI RIDURRE GLI ORGANICI

UIL Scuola INSEGNANTI DI SOSTEGNO / SI PROMETTONO INVESTIMENTI MA SI PENSA DI RIDURRE GLI ORGANICI

Turi: modello italiano di inclusione ammirato in Europa. Attenzione a non fare danni irreparabili.

Dai vertici ministeriali risposte fumose e tecnocratiche. Legge di Bilancio e relazione tecnica progettano tagli: 5 mila posti l’anno.

Abbiamo visto la Legge di Bilancio e letto la relazione tecnica che l’accompagna, pertanto esprimiamo scientemente il nostro giudizio negativo, avvalorato anche dall’incontro al ministero nel quale ci è stato illustrato il nuovo sistema: così Pino Turi sulla polemica sui posti di sostegno innescata dai vertici ministeriali mentre in corso c’è la partita di Governo.

Il decreto sul sostegno, scritto in attuazione di una delle deleghe della Legge 107, porterà tagli di organico nei prossimi anni – spiega il segretario generale Uil Scuola. Non è un pregiudizio ma una attenta lettura delle norme.

Dietro un lessico forbito e volutamente tecnocratico – osserva Turi – si comprende che si va verso la riduzione dei posti di sostegno, in particolare per quelli in deroga. Quando si legge che «è rotto il sinallagma tra gravità/rapporto 1.1» e che «si definisce un debito funzionale», che si pensa di fare cadere su tutti gli altri docenti della classe, attraverso una formazione obbligatoria, si capisce che il cerchio è chiuso.

Non ci saranno tagli, dunque? Vogliamo credere nelle rassicurazioni del dott. Max Bruschi, che si dice convinto – proprio come noi, osserva Turi – dello straordinario valore del sistema di integrazione italiano, che è il fiore all’occhiello del sistema scolastico italiano.

Negli scorsi anni – ricorda Turi – abbiamo accolto delegazioni europee venute in Italia per comprendere e studiare il meccanismo di integrazione italiano.

Cambiare un sistema che funziona non è saggio – sottolinea Turi. I vantaggi di metodo e di competenze attese, che si vorrebbero introdurre, rischiano di riportarci indietro nel tempo.  Gli altri sistemi scolastici europei, che vorrebbero imparare da noi, non tagliano ma investono molto più di noi in istruzione in termini di percentuale sul PIL, lo dimostrano. Meglio non strafare ed evitare avventure tecnocratiche – rilancia Turi.

 

434 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online