Venerdì, 17 settembre 2021 - ore 18.14

Un incidente rilevante alla centrale nucleare francese di Tricastin avrebbe conseguenze anche in Italia

Greenpeace: in caso di incidente la nube radioattiva investirebbe l’Italia e in particolare l’area di Milano e della pianura padana

| Scritto da Redazione
Un incidente rilevante alla centrale nucleare francese di Tricastin avrebbe conseguenze anche in Italia

Cosa succederebbe in caso di incidente nucleare rilevante a una delle centrali nucleari di cui il governo francese vuole estendere l’utilizzo oltre i 40 anni? Greenpeace ha effettuato una simulazione di un incidente grave – con fusione del nocciolo come a Cernobyl o a Fukushima – in uno dei quattro reattori da 915 MWe della centrale nucleare di Tricastin, mostrando che le conseguenze coinvolgerebbero anche l’Italia.

Lo studio ha preso in considerazione circa mille situazioni meteo che si sono effettivamente verificate in passato. Nella simulazione è stata impiegata la situazione meteo del 23 febbraio 2020, mostrando come in caso di incidente la nube radioattiva investirebbe anche l’Italia e, in particolare l’area di Milano e della pianura padana. Nel giro di poche ore, una popolazione di 13 milioni di persone riceverebbe una dose superiore ai limiti previsti dalle norme internazionali per la popolazione (1 mSv). Ben 590 mila persone riceverebbero una dose superiore a 20 mSv indicata come limite per i lavoratori e 137 mila persone avrebbero una dose superiore a 100 mSv. Le persone da evacuare oscillerebbero tra 79 mila e 300 mila.

La centrale di Tricastin, di cui il governo francese vuole estendere la licenza di utilizzo per 10 anni oltre ai 40 anni previsti, è in zona sismica e l’ultimo terremoto si è verificato l’11 novembre 2019. A seguito dell’evento sismico, l’IRSN (Istituto di Radioprotezione francese) ha dichiarato che le argomentazioni di EDF, società proprietaria dell’impianto, non permettono di escludere che un terremoto possa avere un impatto sulla centrale.

Il rapporto tecnico con la simulazione viene presentato prima del processo che il prossimo 29 giugno vedrà alla sbarra 34 attivisti di Greenpeace Francia per aver protestato contro il nucleare.

Alcune delle simulazioni basate su dati meteo reali coinvolgono in modo preoccupante varie città italiane nelle regioni del nord.

Qui un elenco che riporta i risultati nei termini della dose prevista per un individuo della popolazione nel caso di incidente nucleare rilevante (il limite previsto dalle norme internazionali è 1 mSv all’anno):

  • Sanremo
  • Alba
  • Alessandria
  • Bologna
  • Firenze
  • Genova
  • Milano
  • Torino

Il governo Conte aveva inviato tramite il ministro dell’ambiente una lettera al governo francese per sollecitare l’applicazione delle Convenzioni europee di Espoo e Aarhus che, in caso di rinnovo delle licenze a centrali nucleari oltre l’età prevista da progetto, richiedono una procedura di Valutazione d’impatto ambientale, coinvolgendo i Paesi confinanti come l’Italia.

Greenpeace Italia aveva inviato il briefing “Francia: vecchi reattori, nuovi rischi nucleari” ai Presidenti di Regione, agli assessori dell’Ambiente e della Sanità e ai Presidenti dei Consigli Regionali di Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia, chiedendo anche a loro di attivarsi per reclamare, per i propri cittadini, trasparenza e partecipazione rispetto al progetto della Autorité de sûreté nucléaire di estendere l’utilizzo dei vecchi reattori nucleari in Francia.

Attendiamo ancora dal ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani notizie riguardo l’apertura della procedura partecipata prevista dalle Convenzioni europee.

 

di Giuseppe Ounufrio

direttore di Greenpeace Italia

179 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria