Martedì, 20 agosto 2019 - ore 11.59

Voglia di guerra e COP21. Palle di fuoco e buchi nell’acqua di M. Agostinelli

Le riflessioni che seguono sono anche frutto di scambi e comunicazioni tra persone partecipi di una comune tensione, proveniente da esperienze condivise nell’ambito dei movimenti che non smettono di lottare per il cambiamento.

| Scritto da Redazione
Voglia di guerra e COP21. Palle di fuoco e buchi nell’acqua di M. Agostinelli

PREMESSA Scrivo queste note in partenza per Parigi, dove si sta aprendo la Conferenza Mondiale sul clima (Cop 21). Come ricorda l’acronimo, si tratta della 21esima Conferenza sul clima e se ci aggiungiamo anche tutti i “meeting” preparatori di natura politica e tecnica, sono diverse centinaia gli incontri svolti ad oggi a livello internazionale (migliaia se ci aggiungiamo quelli a livello interregionale) per cercare di adottare una politica climatica che sia "compatibile" con la sopravvivenza della specie umana, almeno alle condizioni di cui una parte della popolazione terrestre beneficia già oggi e tenendo in mente i limiti fisici che dobbiamo porre alla nostra impronta ecologica.

L’atmosfera di creativa mobilitazione che sta accompagnando in tutto il mondo l’attenzione della società civile all’evento – la preparazione delle marce del 29 Novembre è stata laboriosa e diffusa anche territorialmente -, si scontra con i cupi bagliori che stanno attraversando la capitale parigina e con le immagini senza rumore delle bombe sganciate dai “raid notturni”. Vita di giorno - per quanto si riesce a sottrarla civilmente alla paura – coprifuoco, morte e distruzione di notte, in una dicotomia in cui i cittadini da una parte e gli stati “democratici” e le organizzazioni terroristiche dall’altra, accettano di fare due parti distinte: prendere il sonno necessario da un lato, proteggerlo o interromperlo per sempre dall’altro.

Così, non posso evitare la domanda se vi siano comuni interessi tra gli attacchi terroristici accaduti pochi giorni fa e un malaugurato (e prevedibile) fallimento della ventunesima conferenza delle parti, circoscritta a ben 14.000 delegati, isolati però dagli attivisti ed esponenti della società civile provenienti da tutto il mondo e ridotti nella presenza da un disincentivo all’accesso non dichiarato.

Ne tratterò più avanti in dettaglio, ma questa premessa serve a rendere il giusto quadro storico- epocale delle prossime giornate, che, al contrario dell’11 Settembre, propongono subito un intreccio che non si può ridurre a scontro di religioni o a pura geopolitica. Parigi non andrà ricordata come le due torri colpite a Manhattan o solo come insanguinata dai Kalshnikov, ma come l’ultimo precipizio a cui ci avviciniamo troppo in fretta se non facciamo nel mondo intero una capriola culturale e politica. Il

palcoscenico planetario – sottolineavo – si è molto articolato. In queste settimane di riacutizzazione di una guerra mondiale asimmetrica in corso da decenni per l’appropriazione delle risorse energetiche sempre più scarse e la privatizzazione dei beni comuni naturali sempre più sottratti ai territori di appartenenza, il papa, vero leader profetico e responsabile che vive tra noi, svolge in Africa la sua missione a difesa di una natura irrimediabilmente lacerata e tratta la criminalità dei terroristi come “zanzare” endemiche a cui andrebbe bonificato il territorio in cui prolificano. Proprio in queste stesse settimane, “zanzare mutanti”, perché cariche di capacità di fuoco terrificante, seminano e annunciano morte con strumenti venduti loro da sciagurati costruttori che risiedono in Paesi dotati delle tecnologie e degli eserciti più avanzati. Ancora, nelle stesse settimane i detentori di una potenza di distruzione che ha alle spalle migliaia di ordigni nucleari si fronteggiano in una “alleanza” che ingolfa i cieli e non ricorre nemmeno più all’alibi delle bombe intelligenti. Ed è in questi stessi giorni che i governanti di 195 Paesi, ubbidienti senza battere ciglio alle road map di rientro dal debito imposte dalle banche e dalla finanza multinazionale, non sapranno concordare su uno straccio di calendario vincolante per l’emergenza climatica. Mentre irrimediabilmente si deteriora la biosfera ed è minacciata la specie umana, siamo di fronte alla possibilità che, anziché unire le forze per curare il pianeta, si acceleri pericolosamente verso quella terza deflagrazione mondiale oltre la quale, diceva Einstein, ci si combatterà solo con le pietre.

Mario Agostinelli

Dicembre 2015

In allegato l’intero documento 

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

895 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria