Martedì, 17 settembre 2019 - ore 11.08

A 70 anni dalla Liberazione dei Campi di Concentramento Nazisti| G.Carnevali

I bambini, sopravvissuti al campo di concentramento di Auschwitz, escono dalle loro baracche, poco dopo la liberazione. 27 gennaio 1945.

| Scritto da Redazione
A 70 anni dalla Liberazione dei Campi di Concentramento Nazisti| G.Carnevali A 70 anni dalla Liberazione dei Campi di Concentramento Nazisti| G.Carnevali A 70 anni dalla Liberazione dei Campi di Concentramento Nazisti| G.Carnevali

GianCarlo ciao, i fatti di questi giorni succeduti in quella “parva sed apta nobis” CREMONA mi hanno profondamente ferito, e fatto riflettere, e parecchio. Preferisco non commentarli, anche se la rabbia cresce  giorno dopo giorno. Facciamo invece memoria di un terribile pezzo della Storia, una autentica vergogna per l’umanità intera. Fatti raccontati, documentati, che vorremmo velocemente dimenticare. Con un urlo che squarcia l’aria mi garba invece gridare: “NO E POI NO, RICORDARE INVECE E SOPRATTUTTO, PERCHE’ QUELLO CHE E’ ACCADUTO NON ACCADA MAI PIU’ “.“Mentre avanzavano in l’Europa, nel corso di una serie di offensive contro la Germania Nazista, gli Alleati cominciarono a incontrare sul proprio cammino decine di migliaia di prigionieri provenienti dai campi di concentramento, molti dei quali erano sopravvissuti alle marce forzate che dai campi della Polonia occupata li avevano portati all’interno della Germania. Inoltre, un gran numero di quegli ex-prigionieri era o malato o in grave stato di malnutrizione. Le forze sovietiche furono le prime ad avvicinarsi ad alcuni tra i campi più importanti, raggiungendo quello di Majdanek, vicino a Lublino (Polonia), nel luglio del 1944. Sorpresi dalla rapida avanzata sovietica, i Tedeschi avevano cercato di nascondere le prove dello sterminio distruggendo il campo. Il personale aveva dato fuoco al grande crematorio usato per bruciare i corpi dei prigionieri uccisi, ma nella fretta dell’evacuazione le camere a gas erano rimaste intatte. Nell’estate del 1944, i Sovietici conquistarono anche le zone in cui si trovavano i campi di sterminio di Belzec, Sobibor e Treblinka, campi che i Tedeschi avevano smantellato nel 1943, dopo l’eliminazione della maggior parte degli Ebrei polacchi. I Sovietici liberarono Auschwitz, il più grande campo di concentramento e di sterminio, nel gennaio del 1945. Avendo i Nazisti costretto la maggior parte dei prigionieri a marciare verso ovest (in quelle che sarebbero poi divenute famose come “marce della morte”), i soldati Sovietici trovarono, ancora vivi, solo alcune migliaia di prigionieri emaciati e sofferenti, insieme a molte prove degli assassinii di massa compiuti ad Auschwitz. I Tedeschi in ritirata avevano distrutto la maggior parte dei magazzini del campo, ma in quelli rimasti in piedi i Sovietici trovarono gli oggetti personali delle vittime: scoprirono, ad esempio, centinaia di migliaia di abiti maschili, più di 800.000 vestiti da donna e più di 6.000 chili di capelli. Nei mesi seguenti, i Sovietici liberarono altri campi negli stati Baltici e in Polonia. Poco tempo dopo la resa della Germania, forze sovietiche liberarono i campi di concentramento di Stutthof, Sachsenhausen e Ravensbrück. Le forze americane liberarono il campo di concentramento di Buchenwald, vicino a Weimar, in Germania, l’11 aprile 1945, pochi giorni dopo che i Tedeschi avevano cominciato ad evacuarlo. Il giorno stesso della liberazione, un’organizzazione clandestina di prigionieri riuscì a prendere il controllo del campo, con l’intento di evitare che le guardie in fuga commettessero ulteriori atrocità. Forze americane liberarono più di 20.000 prigionieri a Buchenwald, giungendo successivamente anche a Dora-Mittelbau, Flossenbürg, Dachau e Mauthausen. Forze britanniche liberarono alcuni campi di concentramento nel nord della Germania, tra i quali Neuengamme e Bergen-Belsen, vicino a Celle, dove entrarono alla metà di aprile del 1945. Circa 60.000 prigionieri, la maggior parte in condizioni critiche a causa di un’epidemia di tifo, furono trovati ancora vivi. Più di 10.000, però, morirono nelle settimane successive a causa della malnutrizione e delle malattie. I liberatori si trovarono ad affrontare condizioni indescrivibili nei campi Nazisti, dove mucchi di cadaveri giacevano in attesa di essere seppelliti. Solo dopo la liberazione di questi campi il mondo poté finalmente conoscere le reali dimensioni dell’orrore nazista. La piccola percentuale di prigionieri che era sopravvissuta era estremamente provata dal lavoro forzato, dalla mancanza di cibo e da mesi o anni di maltrattamenti. Molti erano così deboli che erano a malapena in grado di muoversi. Le malattie rimasero uno dei maggiori pericoli per molto tempo e diversi campi dovettero essere bruciati per evitare il diffondersi di epidemie. In breve, i sopravvissuti ai campi di concentramento dovettero affrontare un lungo e difficile cammino prima di raggiungere la completa guarigione”.Non c’è futuro senza memoria. Non c’è futuro senza il respiro dei nostri giovani, senza il consapevole passaggio di testimone a loro del mondo che è stato, negli splendori e nelle sue tragedie. W la libertà.        

Giorgino  Carnevali (Cremona)

4863 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Palazzo Pignano (CR), area archeologica della villa tardoantica e Antiquarium Iniziativa di sabato 21

Palazzo Pignano (CR), area archeologica della villa tardoantica e Antiquarium Iniziativa di sabato 21

Giornate Europee del Patrimonio 2019 Presentate le iniziative organizzate in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 20 19 presso l’area archeologica e l’Antiquarium di Palazzo Pignano (CR) che comprendono laboratori didattici e visite guidate agli scavi in corso, grazie a Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Cremona, Lodi e Mantova ed all’Università Cattolica del Sacro Cuore.
RICORDANDO ALBERT SCHWEITZER

RICORDANDO ALBERT SCHWEITZER

Ricorrendo l'anniversario della scomparsa di Albert Schweitzer, il 4 settembre 2019 a Viterbo presso il "Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" si e' svolta una commemorazione del grande amico dell'umanita', commemorazione che e' stata altresi' occasione per riflettere sui compiti dell'ora delle persone amiche della nonviolenza, con particolar riferimento alla situazione internazionale ed alla situazione italiana attuale.
Vittore Soldo (Pd) : Perché sosteniamo Mirko Signoroni, sindaco di Dovera alla Presidenza Provincia Cremona

Vittore Soldo (Pd) : Perché sosteniamo Mirko Signoroni, sindaco di Dovera alla Presidenza Provincia Cremona

In ragione di questi fatti e di queste domande vorrei anche esplicitare il motivo per cui il Partito Democratico ha scelto di sostenere Mirko Signoroni nella candidatura a Presidente della Provincia: al di la della già espressa volontà di allargare lo spettro di rappresentanza e di condivisione della visione si è cercato di ragionare sul profilo di una figura che riuscisse a dare una certa continuità d’azione all’ente e che non fosse di prima nomina, senza nulla togliere ai sindaci di prima nomina, ovviamente
L’ATTUALITA’ DI DON PRIMO MAZZOLARI, OGGI COME ALLORA PROFETA IN PATRIA| Giorgino  Carnevali

L’ATTUALITA’ DI DON PRIMO MAZZOLARI, OGGI COME ALLORA PROFETA IN PATRIA| Giorgino Carnevali

(Questa è politica da pattumiera. Se non la smettiamo tornando a misurare gli uomini per quel che valgono e le dottrine per quel che valgono, a breve saremo sommersi dalle nostre stesse vergogne…sono così semplici e così vere queste poche considerazioni che nessuno osa negarle. Anzi, non c’è partito che non le dichiari enfaticamente. Poi se ne scordano subito perché s’accorgono che non c’è tornaconto immediato…) (Mazzolari)