Lunedì, 26 ottobre 2020 - ore 04.40

Anche a Brescia cimitero feti

Cimitero Vantiniano come Flaminio di Roma, ''violata la privacy''

| Scritto da Redazione
Anche a Brescia cimitero feti

 "Ho avuto un aborto spontaneo nel 2015 in una clinica privata. Non avevo scelto il nome e non volevo organizzare il funerale. Eppure ho scoperto che il feto è stato portato qui". È lo sfogo di una donna bresciana che ha scoperto che il feto è stato sepolto nell'area dei bambini mai nati al cimitero Vantiniano in città. Il cognome è quello della donna mentre il nome è Celeste, quello scelto da chi ha effettuato la sepoltura.

Ma come scoperto al cimitero Flaminio di Roma, non è un caso isolato dato che sono centinaia le piccole lapidi di bambini mai nati, la maggior parte con nome Celeste e poi il cognome della madre. "Anche senza autorizzazione facciamo un funerale a queste creature. Per un senso religioso e di pietà", ha raccontato al Giornale di Brescia uno degli addetti al cimitero monumentale della città. A Brescia fin dagli anni 90 è un'associazione religiosa, Movimento per la vita, che si prende cura di seppellire i figli di aborti spontanei, volontari e terapeutici dopo aver prelevato i feti negli ospedali della città.

"Chiederemo alla clinica dove la ragazza aveva abortito di poter avere tutta la documentazione medica" spiega l'avvocato Cathy La Torre a cui la donna si è rivolta. "Vogliamo conoscere gli atti relativi all'interruzione di gravidanza e alle scelte che sono state prese per il feto. C'è - spiega la legale - una violazione della privacy mentre crediamo che spetterà alla Magistratura valutare che cosa sia accaduto". (ANSA).

200 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria