Lunedì, 27 gennaio 2020 - ore 09.33

Arci Gay Cremona. Registro Unioni Civili. Un passo avanti, ma va fatto. Telefonata con Piazzoni

Per il registro servono tempi rapidi. Sono in gioco i dirittti di una minoranza.

| Scritto da Redazione
Arci Gay Cremona. Registro Unioni Civili. Un passo avanti, ma va fatto. Telefonata con Piazzoni Arci Gay Cremona. Registro Unioni Civili. Un passo avanti, ma va fatto. Telefonata con Piazzoni Arci Gay Cremona. Registro Unioni Civili. Un passo avanti, ma va fatto. Telefonata con Piazzoni

Ieri il Consiglio Comunale di Cremona è stato investito dalla discussione sui differenti aspetti che investono la "questione" Diritti Civili.

Sul voto di ieri in Consiglio Comunale di  Cremona  sia sulla registrazione delle unioni gay fatte all’estero ( che il Consiglio Comunale ha respinto) che sul percorso della istituzione del registro delle unioni civili abbiamo intervistato Gabriele Piazzoni la sua opinione.

Sia nel comunicato che nella intervista considera il voto sul percorso una spetto positivo ma c’è il bisogno di stringere i tempi.

Intervista Gian Carlo Storti, Welfarecremonanewtork, Cremona 10 dicembre 2014

----------------------------

Comunicato di arci Gay Cremona

Attorno al tema della trascrizione dei matrimoni omosessuali contratti all'estero, si è sostanzialmente deciso di rimettere la questione al Parlamento nazionale previa espressione di un parere da parte del Sindaco, alla luce degli interventi delle Prefetture nelle Città che hanno eseguito la trascrizione. Su questo siamo delusi dalla mancanza di coraggio da parte del Consiglio Comunale, che non ha colto che proprio nel conflitto con il Ministero degli Interni sta l'essenza della scelta di molte grandi Città Italiane di procedere alla registrazione, per far emergere l'incongruenza e la mancanza della legislazione nazionale su questo tema, che riconosce i matrimoni contratti negli altri paesi membri dell'unione Europea ma non quelli omosessuali, costituendo nei fatti una discriminazione fra i cittadini.

L'altra questione, che invece è tutta sulle spalle del Comune di Cremona, è quella del Registro delle Unioni Civili. Su questo la maggioranza di Centrosinistra ha raggiunto un accordo in merito alla necessità di approfondire il tema e di ampliare la discussione con il coinvolgimento dei cittadini, e su questo accordo è stata ritirata la mozione del Consigliere Bonali che avrebbe in tempi brevissimi fatto diventare realtà il Registro.

Riteniamo che un surplus di dialogo e di condivisione del tema non rappresenti un problema, ma deve essere chiaro alla maggioranza del Consiglio Comunale e dei Cittadini che questa discussione viene fatta sui diritti di una minoranza, non sui propri, e che quindi il percorso di approfondimento e condivisione deve avere tempi certi ed un obbiettivo preciso, l'approvazione del Registro.

I Cittadini Cremonesi, che costituiscono nuclei familiari differenti dalla famiglia eterosessuale sposata, chiedono solamente che il proprio Comune non li consideri cittadini e famiglie di serie B, e che almeno in ambito amministrativo tutti siano trattati equamente.

Come Comitato Arcigay faremo ovviamente campagna propositiva per l'istituzione del Registro e siamo pronti a partecipare e a contribuire assieme alle istituzioni e alle forze politiche alla realizzazione di questo percorso, per far si che tutta la Città capisca la necessità di riconoscere e tutelare tutte le differenti tipologie di famiglie.

Gabriele Piazzoni

Presidente Arcigay Cremona   

--

Arcigay Cremona "la Rocca"

Comitato Territoriale - Province di Cremona e Lodi

Allegati audio:

Audio 1:

1873 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona)  A che punto siamo  con il confronto con il Governo sulla Scuola?

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona) A che punto siamo con il confronto con il Governo sulla Scuola?

In questa breve telefonata Laura Valenti, segretaria generale FLC-Cgil Cremona) fa il punto della situazione del confronto con il governo a seguito della revoca dello sciopero del 17 maggio indicando i problemi aperti: No alla regionalizzazione del sistema istruzione, questione dei precari e ulteriori risorse economiche da garantire al personale di ogni ordine e grado