Giovedì, 28 ottobre 2021 - ore 03.20

Autostrada CR-MN Venti anni di chiacchere| Dante Fazzi

Ma ecco che subito dopo arriva una nuova tegola lanciata dal M5S:il progetto dell’autostrada impedirebbe quello ferroviario

| Scritto da Redazione
Autostrada CR-MN Venti anni di chiacchere| Dante Fazzi

Autostrada CR-MN Venti anni di chiacchere| Dante Fazzi

Gentile direttore, dopo oltre 20 anni di tira e molla per l’autostrada Cremona-Mantova, recentemente abbiamo visto sul suo giornale il bellissimo progetto esecutivo e letto le parole del presidente Fontana circa la possibile realizzazione.

Ma ecco che subito dopo arriva una nuova tegola lanciata dal consigliere pentastellato: il progetto dell’autostrada impedirebbe quello ferroviario. A questo punto mi è venuta alla memoria una seconda favola che vorrei proporre ai suoi lettori.

 «Anche se si lavora onestamente, dalla politica ci si deve aspettare di tutto»: è la frase che arrovella continuamente il sindaco, al punto da rinunciare ad un progetto importante e affidare, suo malgrado, la titolarità a un componente della Giunta.

Tutto questo a seguito delle vibranti proteste levatesi dai banchi de ll’opposizione. L’assessore prescelto, inorgoglito dalla nomina, lavora al progetto con intensità e nel giro di due settimana, riesce a convocare il consiglio comunale e sottoporre ai voti il suo piano operativo. Non ottiene miglior sorte del sindaco: voti contrari, dubbi, minacce di ispezioni ed esposti ad organi superiori. Dopo attenta valutazione, l’assessore amareggiato, decide di passare l’incarico a un funzionario comunale, in ottemperanza ad un nuovo decreto legislativo. Questi, valutato il progetto, i costi, i tempi di realizzazione, le procedure per l’assegnazione dell’appalto, convoca i capi gruppo consiliari, le parti in causa per gli eventuali espropri, i vari comitati ambientalisti per ottenere il nulla-osta.

Dopo settimane di lavoro e consultazioni, non raggiunge un risultato meno catastrofico dei due precedenti. A fronte di tutto questo, il funzionario, per evitare spiacevoli grattacapi, destina il progetto a un responsabile esterno, scelto tra i partecipanti a una attenta selezione di tecnici. Quest’ultimo, dopo un esame dettagliato durato parecchi mesi, finalmente arriva a presentarlo in consiglio comunale. Il responsabile entra nell’aula, con un pacco sotto braccio, seguito in fila indiana da uno stuolo di persone con valigette ventiquattrore gonfie di carte e rotoli di disegni tra le mani.

Nella sala scende il silenzio. Il dipendente comunale si sistema il microfono e prende la parola: «Sindaco, vice sindaco, assessori, presidente del consiglio, consiglieri, direttore generale, segretario comunale, revisore dei conti, funzionari, capi area, egregi tutti; ho avuto mandato dal mio dirigente superiore di esaminare questo importante progetto.

Mi sono attivato per ottenere tutte le autorizzazioni e ho sottoposto lo stesso a esperti di varie materie, come prescrive la legge. Ora sono qui per le conclusioni. Come tutti ben sapete nel bilancio avevamo a disposizione 2 milioni euro.

Nel rispetto delle vigenti disposizioni legislative al segretario comunale e al direttore generale, spettano 200 mila euro ciascuno. La stessa cifra è dovuta ad ognuno dei tre componenti della commissione esaminatrice del progetto. Al dirigente, come da contratto, competono altri 150 mila euro, mentre al sottoscritto, tra indennità di funzione e responsabilità di procedimento, spettano 250 mila euro. Infine, non dobbiamo dimenticare che tra progettista, estensore del piano di sicurezza, geologo, architetto, consulenti fiscale e legale abbiamo speso altri 600.000 euro». Dopo un breve pausa, inizia a scartare il pacco che teneva sotto braccio all’en trata e aveva appoggiato sul tavolo. Mentre completa l’operazione, mostra ai presenti un foglio e prosegue: «A questo punto dell’opera che volevate realizzare non rimane che il progetto grafico e tutti gli allegati e le autorizzazioni.

Ora, però, per non lasciare perdere l’enorme lavoro svolto e avere un riscontro dei soldi spesi, ho ritenuto di farlo incorniciare e appenderlo, in bella vista, qui nella sala del consiglio comunale». Mentre mostra il quadro: «Ah, dimenticavo. Ho pensato di apporvi una dedica: questo è il progetto che volevamo realizzare quando avevamo i soldi. Oggi i soldi sono finiti, ma in compenso disponiamo di tanti funzionari ed esperti che ci indicheranno sempre il procedimento esatto da seguire».

Dante Fazzi Pieve San Giacomo

454 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online