Lunedì, 16 maggio 2022 - ore 19.29

CODACONS CREMONA: IN ARRIVO IL “MODELLO DI SORVEGLIANZA ATTIVO” PER CONTENERE I CONTAGI NELLE RSA PER DISABILI.

CODACONS: UN PROTOCOLLO AD HOC PER UNA REALTA’ DIMENTICATA. FINALMENTE UN AIUTO CONCRETO DEDICATO AI PIU’ FRAGILI!

| Scritto da Redazione
CODACONS CREMONA: IN ARRIVO IL “MODELLO DI SORVEGLIANZA ATTIVO” PER CONTENERE I CONTAGI NELLE RSA PER DISABILI.

CODACONS CREMONA: IN ARRIVO IL “MODELLO DI SORVEGLIANZA ATTIVO” PER CONTENERE I CONTAGI NELLE RSA PER DISABILI.

CODACONS: UN PROTOCOLLO AD HOC PER UNA REALTA’ DIMENTICATA. FINALMENTE UN AIUTO CONCRETO DEDICATO AI PIU’ FRAGILI!

Cremona: Sebbene ufficialmente entrati nella “fase due”, l’allerta e la cautela devono essere sempre ai massimi livelli così come, ai massimi livelli, dovrà essere la prevenzione per la salute di persone speciali che, sfortunatamente, sono sovente dimenticate: i disabili ospiti di RSA. In atto, nelle RSA di Cremona e Provincia, protocolli di contenimento ad hoc della pandemia nelle strutture dedicate ai disabili affinché si intervenga urgentemente sia nelle strutture già coinvolte sia in quelle finora risparmiate da COVID-19. Tutto ciò può essere realizzato solo mettendo in pratica un “modello di sorveglianza attiva” che, tutelando le fasce di popolazione più fragili e vulnerabili -ad oggi, purtroppo, abbandonate a loro stesse- eviterebbe l’ulteriore diffondersi del contagio.

Nello specifico, il modello citato prevede:

  • esecuzione di tampone nasofaringeo e orofaringeo a tutti gli ospiti e operatori delle strutture, con periodica rivalutazione;
  • immediato isolamento delle persone risultate positive, indipendentemente dalla sintomatologia, con allontanamento immediato di operatori positivi e trasferimento degli ospiti positivi in settori o strutture dedicati;
  • allestimento di strutture o settori di isolamento per gli ospiti positivi -asintomatici e sintomatici- con efficaci zone filtro;
  • per gli ospiti sintomatici, strumenti diagnostici e protocolli approvati e aggiornati per l’assistenza domiciliare e ospedaliera non intensiva;
  • adeguamento del personale in forza delle Residenze;
  • attivazione di applicativi e percorsi di telemedicina, monitoraggio e training per operatori e familiari al fine di garantire la continuità degli interventi terapeutici ed il supporto necessario durante l’emergenza sanitaria.

Seguendo scrupolosamente questo modello non verrà attuato solamente il contenimento del contagio ma saremo di fronte a un gesto di profondo senso civico e di amore nei confronti di tutte quelle persone che si trovano a dover affrontare una emergenza sanitaria senza avere contezza dei pericoli ai quali possono essere esposti.

Codacons: “Mentre la Regione Lombardia e la Provincia di Cremona si stanno preparando per partire cautamente con la fase due, c’è una realtà molto spesso dimenticata: quella delle residenze per disabili. Disabili fisici e psichici i quali, molto spesso, non hanno -a causa delle loro patologie- nemmeno contezza di ciò che sta accadendo intorno a loro e della grave pandemia che ha messo in ginocchio l’Italia e il mondo intero. Ma non per questo devono essere dimenticati! L’argomento residenze per disabili è sovente un argomento tabù ma i dati ci hanno informato che, purtroppo, anche queste RSA non sono risultate immuni al Covid-19. E, come sempre, sono le persone fragili le vere vittime della pandemia. Le necessità, i bisogni e, in questo particolare periodo storico, la salute delle persone con disabilità, in particolare intellettive e con disturbi del neurosviluppo, delle loro famiglie e di tutti coloro che lavorano con e per loro, sono considerate come sacrificabili, meno importanti di quelle degli altri cittadini. Un atteggiamento simile non può e non deve tollerato!  Il Codacons Cremona, da sempre al fianco dei cittadini, dei consumatori e delle persone fragili, invita tutti i familiari degli ospiti delle RSA per disabili a segnalare negligenze, inosservanza di protocolli e qualsiasi ulteriore criticità. Siamo, inoltre, sempre disponibili per consulenze on line e a distanza al  n.ro 3479619322 – codacons.cremona@gmail.com.

 

818 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online