Lunedì, 16 settembre 2019 - ore 04.25

Contrasto al gioco d’azzardo Firmata la convenzione tra Confcommercio e le ASL Milano 1 e Milano 2

Una grande occasione, nei comuni dell’area metropolitana, anche per “fare rete”e intercettare i casi problematici

| Scritto da Redazione
Contrasto al gioco d’azzardo Firmata la convenzione tra Confcommercio e le ASL Milano 1 e Milano 2

Si avvia il percorso formativo per gestori e personale di locali e sale da gioco previsto dalla legge di Regione Lombardia.  Confcommercio Milano e le ASL Milano 1 e Milano 2 hanno firmato oggi nella sede della Confcommercio milanese di Palazzo Castiglioni – presenti i direttori generali di ASL Milano 1 Giorgio Scivoletto, di ASL Milano 2 Antonio G. Mobilia, il vicepresidente di Confcommercio Milano Carlo Alberto Panigo e il segretario generale Gianroberto Costa - le convenzioni che avviano, nei comuni dell’area metropolitana milanese, il percorso di formazione per  gestori e personale di sale da gioco e pubblici esercizi dove sono installate le slot machine.

La legge approvata da Regione Lombardia nell’ottobre del 2013 prevede l’obbligatorietà di questa formazione con seminari finalizzati a conoscere e prevenire i rischi connessi al gioco d’azzardo patologico (Gap) e ad avere un’informazione generale sulle norme in materia di gioco d’azzardo lecito.

La legge riconosce in quest’ambito il ruolo attivo che le associazioni ricoprono nella promozione delle iniziative formative e Confcommercio Milano è indicata nelle convenzioni come l’organizzazione maggiormente rappresentativa del territorio.

La formazione che sarà rivolta alle migliaia fra gestori e collaboratori di locali e sale da gioco (Confcommercio Milano metterà a disposizione le sedi formative attraverso il coinvolgimento delle proprie associazioni territoriali) è molto importante perché potrà anche permettere di sviluppare la capacità di fare rete con istituzioni e società civile per intercettare le situazioni più problematiche.

I docenti delle iniziative di formazione saranno esperti in legislazione e professionisti delle ASL: medici, psichiatri, psicologi, assistenti sociali.

Gioco d’azzardo patologico: i dati.

I dati ufficiali sul gioco d'azzardo lecito in Italia confermano che si tratta di un fenomeno significativo, con la Lombardia che detiene il primato con un fatturato annuo di circa il 18% del totale nazionale.

Sono circa 1.600 i giocatori patologici in cura nei Dipartimenti delle Dipendenze delle ASL lombarde.

Nelle ASL Milano 1 e Milano 2 la diffusione del gioco d’azzardo patologico (Gap) è tipica delle maggiori aree metropolitane. Nei servizi dedicati delle due ASL sono quasi 300 i giocatori patologici, con un aumento del 40% in ognuno degli ultimi tre anni. Si stimano in 2.500 le persone che avrebbero bisogno di cure.

Nella popolazione studentesca, il 58% dei maschi e il 39% delle femmine hanno giocato puntando soldi negli ultimi dodici mesi. Giocare d’azzardo 20 o più volte l’anno ha coinvolto il 16% dei maschi e il 2% delle femmine.

 

 

758 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

CAP CON LA NUOVA TARIFFA DELL’ACQUA, PER I CITTADINI DEI COMUNI DEL MILANESE RISPARMIARE È FACILE, BASTA COMUNICARE LA RESIDENZA

CAP CON LA NUOVA TARIFFA DELL’ACQUA, PER I CITTADINI DEI COMUNI DEL MILANESE RISPARMIARE È FACILE, BASTA COMUNICARE LA RESIDENZA

Risparmiare sulla bolletta dell’acqua è ancora più facile. Quota fissa per ogni componente del nucleo famigliare, costo agevolato per ben 33 metri cubi d’acqua, sono solo alcuni degli elementi inseriti a vantaggio del consumo responsabile degli abitanti dell’hinterland milanese. L’importante è comunicare i propri dati al gestore del servizio idrico.
Fridays For Future Milano . La Casa è in Fiamme

Fridays For Future Milano . La Casa è in Fiamme

Nella mattinata di sabato 20 u.s. l’Italia ha assistito alla prima grande mobilitazione contro i finanziamenti all’industria del fossile. In decine di città lungo tutto lo stivale gli attivisti di #fridaysforfuture – il movimento di giovani nato dalla sedicenne svedese Greta Thunberg – hanno inscenato proteste e flash mob di fronte alle sedi di Unicredit e Intesa San Paolo, tra i maggiori finanziatori delle corporations del gas, del petrolio e del carbone.