Lunedì, 08 marzo 2021 - ore 01.17

Coronavirus Polonia: Kaczynski riapre la crisi politica | Matteo Cazzulani, Polonia Cracovia

O al voto per il presidente, o al voto per il parlamento. Questo è l'ultimatum che Jaroslaw Kaczynski, leader di Diritto e Giustizia (PiS), il principale partito di governo, ha lanciato ai suoi colleghi di coalizione appartenenti ad Intesa, partito dell'ex Vicepremier Jaroslaw Gowin, che sarebbe intenzionato a bloccare lo svolgimento delle elezioni presidenziali di Domenica 10 Maggio per via postale a causa del Coronavirus.

| Scritto da Redazione
Coronavirus Polonia: Kaczynski riapre la crisi politica | Matteo Cazzulani, Polonia Cracovia

Coronavirus Polonia: Kaczynski riapre la crisi politica | Matteo Cazzulani, Polonia Cracovia

O al voto per il presidente, o al voto per il parlamento. Questo è l'ultimatum che Jaroslaw Kaczynski, leader di Diritto e Giustizia (PiS), il principale partito di governo, ha lanciato ai suoi colleghi di coalizione appartenenti ad Intesa, partito dell'ex Vicepremier Jaroslaw Gowin, che sarebbe intenzionato a bloccare lo svolgimento delle elezioni presidenziali di Domenica 10 Maggio per via postale a causa del Coronavirus.

Nello specifico, Intesa sarebbe intenzionata a votare contro lo svolgimento delle elezioni in occasione di un voto decisivo calendarizzato per giovedì 7 Maggio alla Camera. Poche ore prima, il Senato, controllato dalle opposizioni, quasi sicuramente respingerà il provvedimento fortemente voluto da Kaczynski, già fatto approvare in prima lettura per mezzo di un blitz parlamentare che Diritto e Giustizia ha realizzato lo scorso 6 Aprile, a tarda notte.

Kaczynski, alla notizia dei rinnovati mal di pancia di Gowin - malumori motivati da questioni logistico-sanitarie - ha minacciato di espellere i parlamentari di Intesa dalla coalizione di maggioranza, togliere il sostegno al governo, ed andare al voto anticipato per rinnovare il parlamento.

Secondo i più recenti sondaggi, Diritto e Giustizia gode di ampio consenso tra la popolazione: un dato che porterebbe il candidato presidenziale di Kaczynski, il Presidente uscente Andrzej Duda, a riconfermare il suo mandato in caso di elezioni Domenica.

Parimenti, Kaczynski potrebbe sbaragliare opposizioni e dissenso interno alla coalizione in caso di voto parlamentare anticipato, aumentando il numero dei seggi di Diritto e Giustizia in parlamento e, possibilmente, tentare un governo in solitaria.

Diritto e Giustizia, del quale è emanazione anche il Premier Mateusz Morawiecki, è a capo una coalizione di governo di destra sociale, alla quale appartengono Intesa e Polonia Solidale, forza politica del Ministro della Giustizia Zbigniew Ziobro.

Le opposizioni, rappresentate in parlamento dalla Piattaforma Civica (PO) di centrodestra, dalla Sinistra, dal Partito Contadino (PSL) e dai liberal-nazionalisti di Confederazione, sono divise da una lotta intestina.

Qualora il governo polacco dovesse cadere, la Polonia sarebbe il primo paese a sperimentare una crisi politica ed istituzionale per causa del Coronavirus.

Ad oggi, i casi di Coronavirus registrati in Polonia sono 14.242, con 700 vittime.

Matteo Cazzulani, Polonia Cracovia

5 maggio 2020

619 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online