Venerdì, 27 gennaio 2023 - ore 16.38

Costruzione dello spazio europeo dell'istruzione: progressi e criticità

| Scritto da Redazione
Costruzione dello spazio europeo dell'istruzione: progressi e criticità

 La Commissione europea ha approvato oggi la relazione sui progressi compiuti per la realizzazione dello spazio europeo dell'istruzione. La relazione fa il punto sulle iniziative e le tendenze in atto nell'UE per quanto riguarda i progressi compiuti verso il conseguimento degli obiettivi dell'UE in materia di istruzione e formazione e fissa l'agenda per il 2025.

Le 40 iniziative in corso a livello di UE – ricorda Bruxelles – comprendono azioni strategiche che spaziano dall'apprendimento misto all'apprendimento per lo sviluppo sostenibile, dalla strategia europea per le università fino ai progetti finanziati dall'UE come le accademie degli insegnanti, la coalizione "Istruzione per il clima" o i centri di eccellenza professionale. Viene inoltre dato seguito ai lavori dei gruppi di esperti, come quelli sulla disinformazione o gli investimenti di qualità, e sono attuate misure per rendere più inclusivi il programma Erasmus+ e il Corpo europeo di solidarietà. Grazie all'impegno comune per lo spazio europeo dell'istruzione, queste iniziative stanno rafforzando l'attività degli Stati membri.

Questo approccio comune, nazionale e dell'UE, - riflette la Commissione – si è rivelato particolarmente efficace nella risposta alle nuove problematiche che i sistemi di istruzione e formazione dell'UE hanno dovuto affrontare negli ultimi due anni, vale a dire la pandemia di COVID-19 e l'accoglienza di discenti e insegnanti rifugiati a seguito della guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina. Il quadro strategico rafforzato, che riunisce gli Stati membri e i principali portatori di interessi, ha consentito la messa in comune di conoscenze e risorse, la condivisione organizzata di buone pratiche e l'attuazione di soluzioni concrete.

Nella relazione di monitoraggio del settore dell'istruzione e della formazione che accompagna la relazione sono riportati alcuni esempi dei passi avanti fatti verso il conseguimento degli obiettivi a livello di UE, come la diminuzione dell'abbandono scolastico e l'aumento del tasso di istruzione terziaria e della partecipazione all'educazione e cura della prima infanzia. Allo stesso tempo alcuni segnali mostrano che sono necessari sforzi sistemici a più lungo termine per migliorare l'equità nel campo dell'istruzione e affrontare la carenza di insegnanti. Grazie a nuovi indicatori a livello di UE per entrambi gli ambiti, le politiche potranno basarsi su dati concreti e sarà favorito l'apprendimento reciproco.

Si stima che fra il programma Erasmus+, il dispositivo per la ripresa e la resilienza e i fondi della politica di coesione dell'UE, la spesa totale dell'UE per l'istruzione e la conoscenza tra il 2021 e il 2027 sarà triplicata rispetto al periodo 2014-20. Sarà pertanto essenziale porre l'accento, nei prossimi anni, sull'attuazione, gli investimenti di qualità, l'assorbimento e il monitoraggio attento dei progressi compiuti dagli Stati membri per consolidare le riforme sistemiche e produrre effetti positivi sui discenti, sugli insegnanti, sull'economia e sulle nostre società.

PROSSIME TAPPE

La Commissione darà seguito alla relazione sull'andamento dei lavori con un processo di revisione intermedia nel 2023, dal quale sarà tratto insegnamento e slancio per il periodo fino al 2025, quando dovrà essere stilata una relazione completa sulla realizzazione dello spazio europeo dell'istruzione. (aise) 

142 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria