Martedì, 07 dicembre 2021 - ore 15.33

(CR) Sanità Pubblica Adesso Basta a smantellamenti ,appalti e chiusure !!

Molti lavoratori e cittadini al presidio di Cgil-Cisl-Uil-Nursing UP e RSU

| Scritto da Redazione
(CR) Sanità Pubblica Adesso Basta a smantellamenti ,appalti e chiusure !! (CR) Sanità Pubblica Adesso Basta a smantellamenti ,appalti e chiusure !! (CR) Sanità Pubblica Adesso Basta a smantellamenti ,appalti e chiusure !! (CR) Sanità Pubblica Adesso Basta a smantellamenti ,appalti e chiusure !!


(CR) Sanità Pubblica Adesso Basta a smantellamenti ,appalti e chiusure !!

Molti lavoratori e cittadini al presidio di Cgil-Cisl-Uil-Nursing UP e RSU

Il presidio dei lavoratori della sanità cremonese dello scorso 30 ottobre davanti all’ospedale di Cremona ha visto non solo una vasta partecipazione di operatori sanitari ma anche le delegazioni dei vari partiti che  in vari modi  si rapportano con il mondo del lavoro. Erano presenti delegazioni del PD, di Articolo Uno, Sinistra Italiana , Rifondazione Comunista e Movimento 5 Stelle.

Molti esponenti sono intervenuti a portare la solidarietà  ed a manifestare il loro impegno a sostenere le rivendicazioni del sindacato che unitariamente chiede  un rafforzamento della sanità pubblica. In particolare sono da segnalare gli interventi del Sindaco Gianluca Galimberti, di Matteo Piloni , consigliere regionale del PD, di Danilo Toninelli del Movimento 5 Stelle e di Paolo Bodini, già sindaco di Cremona e dirigente medico che ha portato il suo saluto come rappresentante di Articolo Uno.

Come vedete dal volantino distribuito durante il presidio  il sindacati Cgil-Cils-Uil- Nursing UP pongono  due questioni in maniera molto forte.

Una vergogna  Targata ASST Cremona:

-un Direttore Generale arroccato dietro una porta blindata;

-una Direzione Amministrativa  made Torre di Babele !

Il messaggio tradotto in volgare è chiaro: devono andare via non sono all’altezza !!

 E’ questo che i lavoratori chiedono alla Regione Lombardia. Oltre alle politiche regionali sulla sanità ci sono gli uomini,, i dirigenti che in questo caso si dimostrano non all’altezza della situazione a detta non solo dei sindacati ma di molti.

 Un riflessione: se sono questi i dirigenti a cui è affidata la riorganizzazione della sanità cremonese e la costruzione del nuovo ospedale stiamo freschi.

 Dai vari interventi si è colto anche il disagio sulla proposta di un nuovo ospedale. Vi sarebbe già oggi la necessità di sistemate il vecchio. Ci vorranno 10 anni  per avere  l’Ospedale Godot pronto e intanto ? Il degrado dell’attuale struttura sarà inevitabile.

 Se molte sono le critiche all’Ospedale Godot , non si vede ancora crescere una forte opposizione  politica e sociale che punti la barra su  due questioni: ristrutturazione ex INAM come Casa della Sanità  e riorganizzazione del vecchio con il recupero di posti letto che in questi anni sono stati tagliati.

 Intanto Fontana ha aperto la sua campagna elettorale per ottenere la riconferma con il suo ‘pacco regali’  al territorio cremonese e cremasco ( recupero ex tribunale a Crema come struttura sanitaria,nuovo ospedale a cremona e dulcis in fundo la realizzazione dell’autostradaCr-Mn  che forse arriverà  entro il 2026)  EVVIVA !

 Red/welcr/gcst

 

 

 

Video welfare cremona di Gian Carlo Storti  Cremona 30 ottobre 2021

Tutti gli altri video di welfarecremona li trovi qui https://www.welfarenetwork.it/video/ 

 

 

5362 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online