Giovedì, 28 ottobre 2021 - ore 16.04

Finanziamenti per il Gal Oglio Po e "questione nutrie"|G.Torchio

| Scritto da Redazione
Finanziamenti per il Gal Oglio Po e

Incontri serrati al Gal Oglio Po per la definizione dei bandi previsti a livello comunitario e delle azioni varate dal consiglio. Oltre alla positiva definizione del progetto di cooperazione, già finanziato dalla Regione si stanno elaborando i bandi per il recupero edilizio ai fini sociali, per lo sviluppo della mobilità sostenibile ed il completamento del sistema unico di percorrenza.
Nelle prossime settimane il consiglio sarà chiamato a deliberare su altre importanti iniziative a cui si sta occupando l'agenzia d'area, in particolare la partecipazione al bando per gli emblematici maggiori della fondazione Cariplo a cui partecipa la realtà mantovana, beneficiaria di significative provvidenze per effetto della rotazione pluriennale.
Al riguardo proprio il presidente della provincia Pastacci, in un incontro con i sindaci tenuto mesi fa a Commessaggio, ha dato la sua disponibilità a sostenere i progetti dell'area mantovana e viadanese di confine. Le amministrazioni locali hanno chiesto la sinergia del Gal che aveva sviluppato una forte progettualità per il programma della Greenway dell'Oglio" presentata qualche anno fa alla Regione sui fondi Feasr e valutata positivamente ma non ancora finanziata. 
Buona parte di quegli interventi è stata ripresa con modifiche e farà parte del progetto che verrà formalizzato entro febbraio alla Fondazione ambrosiana.
Nel frattempo si sta lavorando su un più vasto scenario delle "terre d'acqua" che riguarda la necessità di intervento  mirato legati al reticolo idrico minore, di vitale importanza per la sicurezza idraulica del territorio, anche alla luce degli eventi legati alle eccezionali piogge che hanno messo a dura prova il sistema dell'asta della Giuseppina ma anche
delle frane degli argini a S.Matteo delle Chiaviche che richiedono una robusta azione di manutenzione. Con la collaborazione dei Comuni, dell'Aipo e dei Consorzi di Bonifica si lavora per la predisposizione di un progetto
comune da candidare sui fondi europei del Piano di Sviluppo Rurale per il prossimo sessennio 2004-2020.

Altro argomento di particolare urgenza è legato alla richiesta proveniente da diversi comuni e dalle stesse province per la messa in opera di un piano incisivo di contenimento del fenomeno ormai dilagante della popolazione di
nutrie.

Un animale alloctono che non contribuisce certamente a fornire un'immagine positiva del territorio con le numerose carcasse a seguito di investimenti da parte di autoveicoli in prossimità di fossi e corsi d'acqua e di danni significativi arrecati alle coltivazioni agricole destinate, in particolare alla filiera biologica ed alle produzioni di qualità.

Dopo il sopralluogo a Spineda con gli assessori regionale De Capitani e provinciale Pinotti, il sindaco di Spineda Davide Caleffi con il tecnico comunale Mario Braga ha incontrato il presidente del Gal Oglio Po Giuseppe Torchio e tutto lo staff dell'agenzia di promozione territoriale per esaminare le concrete possibilità di un piano veramente incisivo.

Si è deciso di costituire una "task force" con un gruppo di lavoro composto da Regione, Province di Cremona e Mantova, consorzi di bonifica, professionali agricole, Aipo, Parco Oglio Sud, Comuni, coinvolgendo anche
Asl, Prefetture, Istituto Zooprofilattico ed alcuni esperti per la stesura del progetto.

Proprio a febbraio, infatti, si apriranno i termini del bando europeo dei fondi Life, che prevedono la partecipazione territoriale mediante cofinanziamento al 50%.

Poiché Regione Lombardia ha una disponibilità di soli 250 mila euro per il contenimento della nutria e pare che tali risorse non siano nemmeno certe a livello di destinazione è evidente la necessità di rimpinguare il capitolo, sia con risorse dirette che con la partecipazione a piani e progetti a livello nazionale ed europeo.

fonte: Giuseppe Torchio

 

 

 

 

 

1201 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria