Giovedì, 26 novembre 2020 - ore 10.21

Genova dice no agli spostamenti a piedi senza motivo dopo le 21

Il sindaco di Genova Marco Bucci punta a limitare gli assembramenti vietando le passeggiate senza motivo in tutto il territorio cittadino.

| Scritto da Redazione
Genova dice no agli spostamenti a piedi senza motivo dopo le 21

Il sindaco di Genova Marco Bucci ha confermato che già a partire dalle 21 di oggi, se arriverà il via libera del Prefetto, non ci si potrà muovere liberamente a piedi per la città senza un valido motivo.

Bucci rifiuta la parola “coprifuoco”, di fatto in vigore in diverse città del Paese, ma parla di una misura, già in vigore in alcuni quartieri della città, che sarà esteso a tutto il territorio comunale: ci si potrà muovere in automobile senza particolari limitazioni, ma a piedi ci si potrà muovere soltanto a fronte di un motivo.

Niente passeggiate fine a sé stesse quindi, sì agli spostamenti a piedi per recarsi a casa o per raggiungere le abitazioni di amici a parenti nei limiti previsti dall’ultimo DPCM, così come per fare acquisti negli esercizi aperti dopo le 21. Il tutto senza necessità di avere con sé un’autocertificazione.

 

Bucci, intervenuto oggi in consiglio comunale, ha spiegato che l’obiettivo del provvedimento è quello di impedire gli assembramenti, non la circolazione:

Le limitazioni riguarderanno solo chi si muove a piedi senza un motivo, non chi si sposta in auto o moto, e inseriremo anche la possibilità di andare a correre da soli. Il momento è delicato, e serve attenzione da parte di tutti. Nel weekend ci sono arrivate molte segnalazioni, ci hanno segnalato anche feste, le persone che vi hanno partecipato non hanno idea del danno che rischiano di aver fatto. Questo genere cose da parte nostra sarà trattato con tolleranza zero.

Il via libera del Prefetto non è ancora arrivato, ma l’obiettivo del primo cittadino di Genova è quello di far scattare la nuova misura già questa sera. Il nuovo limite agli spostamenti in tutto il territorio genovese dovrà essere in vigore dalle 21 alle 6.

245 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Terremoto in Irpinia, i 90 secondi che cambiarono faccia alla Campania

Terremoto in Irpinia, i 90 secondi che cambiarono faccia alla Campania

Domenica 23 novembre 1980, alle 19:34, un sisma di magnitudo 6,9 gradi della scala Richter colpì i territori di Irpinia e Basilicata, causando quasi 3mila vittime. Furono rasi al suolo interi paesi e migliaia di case rimasero danneggiate. A decenni di distanza resta la memoria di una tragedia italiana e dell’incredibile speculazione degli anni della ‘ricostruzione’, mai completata e sulla quale molto incise la longa manus della camorra.