Martedì, 28 giugno 2022 - ore 07.43

Global land outlook: siamo al degrado cronico del suolo

Degradato il 40% del suolo, una minaccia per metà dell’umanità e per circa la metà del Pil globale (44 trilioni di dollari)

| Scritto da Redazione
Global land outlook: siamo al degrado cronico del suolo

Il nuovo rapporto “Global Land Outlook 2” (GLO2) pubblicato dall’United Nations convention to combat desertification (UNCCD), avverte che «Il modo in cui le risorse del suolo – suolo, acqua e biodiversità – sono attualmente mal gestite e utilizzate in modo improprio minaccia la salute e la sopravvivenza continua di molte specie sulla Terra, inclusa la nostra» e indica a chi deve prendere le decisioni centinaia di modi pratici per attuare il ripristino del territorio e dell’ecosistema a livello locale, nazionale e regionale.

Il rapporto lancia un drammatico allarme: «In nessun altro momento della storia moderna l’umanità ha affrontato una tale serie di rischi e pericoli familiari e non familiari, interagendo in un mondo iperconnesso e in rapido cambiamento. Non possiamo permetterci di sottovalutare la portata e l’impatto di queste minacce esistenziali. Conservare, ripristinare e utilizzare le nostre risorse della terra in modo sostenibile è un imperativo globale, che richiede un’azione in condizioni di crisi… Il business as usual non è un percorso praticabile per la nostra sopravvivenza e per continuare in prosperità».

Le cifre messe in fila dal GLO2 sono terrificanti ma rivelano anche che è possibile invertire la rotta: 50%: percentuale di umanità colpita dal degrado del suolo; 7 – 30 dollari: benefici restituiti per ogni dollaro investito nel ripristino di terreni degradati: 4: i confini planetari (usati per definire uno “spazio operativo sicuro per l’umanità”) già superati: cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, cambiamenti nell’uso del suolo e cicli geochimici, superamenti direttamente collegati alla desertificazione indotta dall’uomo, al degrado del suolo e alla siccità; 40%+: superficie globale occupata dall’agricoltura; 15%: percentuale dei 700 miliardi di dollari pagati ogni anno in sussidi commerciali che hanno un impatto positivo sul capitale naturale, sulla biodiversità, sulla stabilità del lavoro a lungo termine o sui mezzi di sussistenza; 70%+: foresta tropicale disboscata per l’agricoltura tra il 2013 e il 2019 in violazione di leggi o regolamenti nazionali; 1%: aziende agricole che controllano oltre il 70% della superficie agricola mondiale; 80%: aziende agricole di dimensioni inferiori a due ettari, che rappresentano il 12% della superficie agricola totale; 50%: riduzione delle terre degradate entro il 2040 promessa dai leader del G20 nel novembre 2020; 115+: i Paesi che avevano assunto impegni quantitativi e territoriali entro la fine del 2021, collettivamente si impegnano a ripristinare 1 miliardo di ettari di fattorie, foreste e pascoli; 100+: Paesi con piani per la Land Degradation Neutrality  (LDN) entro il 2030: “frameworks for action” da parte delle autorità locali e nazionali, della società civile e del settore privato; 130: Paesi che hanno riaffermato nella Glasgow Leaders Declaration on Forests and Land Use (novembre 2021) i rispettivi impegni, singoli e  collettivi, nell’ambito delle tre Convenzioni di Rio: sulla desertificazione (UNCCD), sulla diversità biologica (CBD) e sui cambiamenti climatici (Unfccc), supportati da impegni senza precedenti di imprese e donatori. Compresi anche impegni per facilitare il commercio e le politiche di sviluppo che evitino la deforestazione e il degrado del suolo, in particolare per quanto riguarda i prodotti agricoli commercializzati a livello internazionale, come carne bovina, soia, olio di palma e legname. 

Presentando il rapporto, il segretario esecutivo dell’UNCCD, Ibrahim Thiaw, ha ricordato che «L’agricoltura moderna ha alterato la faccia del pianeta più di qualsiasi altra attività umana. Dobbiamo ripensare urgentemente ai nostri sistemi alimentari globali, che sono responsabili dell’80% della deforestazione, del 70% dell’uso di acqua dolce e della principale causa di perdita di biodiversità terrestre. Investire nel ripristino dei terreni su larga scala è uno strumento potente ed economico per combattere la desertificazione, l’erosione del suolo e la perdita di produzione agricola. Essendo una risorsa limitata e il nostro bene naturale più prezioso, non possiamo permetterci di continuare a dare per scontata la terra».

Il rapporto, pubblicato dall’UNCCD in previsione della sua 15esima conferenza delle parti che si terrà ad Abidjan, in Costa d’Avorio dal 9 al 20 maggio, è stato realizzato in 5 anni grazie al lavoro di 21 organizzazioni partner e con oltre 1.000 riferimenti ed è il lavoro più completo sullo stato mondiale dei suoli mai pubblicato: «Fornisce una panoramica di un’ampiezza senza precedenti – dice l’UNCCD –  e proietta le conseguenze planetarie di tre scenari fino al 2050: business as usual, ripristino di 50 milioni di km2 di terreno e misure di ripristino aumentate dalla conservazione di aree naturali importanti per specifiche funzioni ecosistemiche». Inoltre, valuta i potenziali contributi degli investimenti di ripristino del territorio alla mitigazione dei cambiamenti climatici, alla conservazione della biodiversità, alla riduzione della povertà, alla salute umana e ad altri obiettivi chiave di sviluppo sostenibile».

Il rapporto prevede i risultati entro il 2050 e i rischi coinvolti nei tre scenari:

Baseline : Business as usual, continuano i trend ttuali del degrado del suolo e delle risorse naturali, mentre la domanda di cibo, mangimi, fibre e bioenergia continua ad aumentare. Le pratiche di gestione del territorio e il cambiamento climatico continuano a causare una diffusa erosione del suolo, il calo della fertilità e la crescita dei raccolti e l’ulteriore perdita di aree naturali dovuta all’espansione dell’agricoltura. Entro il 2050: 16 milioni di Km2 mostrano un continuo degrado del suolo (la dimensione del Sud America); Si osserva un calo persistente e a lungo termine della produttività vegetativa per il 12-14% dei terreni agricoli, pascoli e delle aree naturali, con l’Africa subsahariana che è la più colpita; Dal 2015 al 2050 vengono emesse ulteriori 69 gigatonnellate di carbonio a causa del cambiamento dell’uso del suolo e del degrado del suolo. Questo rappresenta il 17% delle attuali emissioni annuali di gas serra: carbonio organico del suolo (32 gigatonnellate), vegetazione (27 gigatonnellate), degrado/conversione delle torbiere ( 10 gigatonnellate).

Ripristino : presuppone il ripristino di circa 5 miliardi di ettari (50 milioni di Km2 o il 35% della superficie terrestre globale) utilizzando misure come l’agroforestazione, la gestione del pascolo e la rigenerazione naturale assistita. (Impegni internazionali attuali: 10 milioni di Km2i). Entro il 2050: I raccolti aumentano del 5-10% nella maggior parte dei Paesi in via di sviluppo rispetto alla baseline; Una migliore salute del suolo porta a raccolti più elevati, con i maggiori guadagni in Medio Oriente e Nord Africa, America Latina e Africa subsahariana, limitando l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari; La capacità di ritenzione idrica del suolo aumenterebbe del 4% nei terreni coltivati ​​con la pioggia; Tra il 2015 e il 2050 gli stock di carbonio aumentano di 17 gigatonnellate nette grazie all’aumento del carbonio nel suolo e alla riduzione delle emissioni; La biodiversità continua a diminuire, ma non così rapidamente, con l’11% della perdita di biodiversità evitata.

Ripristino e protezione : questo scenario include le misure di ripristino, integrate da misure di protezione di aree importanti per la biodiversità, la regolamentazione delle acque, la conservazione del suolo e degli stock di carbonio e la fornitura di funzioni critiche dell’ecosistema. Entro il 2050: Altri 4 milioni di Km2 di aree naturali (la dimensione dell’India e del Pakistan), maggiori guadagni attesi nel Sud e Sud-Est asiatico e in America Latina. Le protezioni impedirebbero il degrado del suolo mediante il disboscamento, l’incendio, il drenaggio o la conversione; Si preverrebbe circa un terzo della perdita di biodiversità prevista nella baseline; Ulteriori 83 gigatonnellate di carbonio vengono immagazzinate rispetto alla baseline. Le emissioni evitate e l’aumento dello stoccaggio del carbonio equivarrebbero a più di 7 anni di emissioni globali attuali totali.

Altri punti chiave del rapporto includono:

44 trilioni di dollari– circa la metà della produzione economica annua mondiale – sono messi a rischio dalla perdita del capitale naturale e dei servizi ecosistemici  che sostengono la salute umana e ambientale regolando il clima, l’acqua, le malattie, i parassiti, i rifiuti e l’inquinamento atmosferico, fornendo al contempo numerosi altri vantaggi come ricreazione e benefici culturali.

I ritorni economici del ripristino del suolo e della riduzione del degrado, delle emissioni di gas serra e della perdita di biodiversità potrebbero raggiungere i 125 – 140 trilioni di dollari all’anno, fino al 50% in più rispetto ai 93 trilioni di dollari del PIL mondiale nel 2021.

Ridestinare nel prossimo decennio solo 1,6 trilioni di dollari, compresi i 700 miliardi di dollari annui di sussidi dannosi concessi alle industrie dei combustibili fossili e all’agricoltura consentirebbe ai governi di rispettare gli attuali impegni di ripristinare entro il 2030 circa 1 miliardo di ettari degradati, un’area grande quanto gli Stati Uniti o la Cina, inclusi 250 milioni di ettari di terreni agricoli.

Il ripristino della terra, dei suoli, delle foreste e di altri ecosistemi contribuirebbe per oltre un terzo alla mitigazione dei cambiamenti climatici economicamente vantaggiosa necessaria per limitare il riscaldamento globale a 1,5° C, sostenendo nel contempo la conservazione della biodiversità, la riduzione della povertà, la salute umana e altri obiettivi chiave di sviluppo sostenibile.

Molte pratiche tradizionali e moderne di produzione alimentare rigenerativa possono consentire all’agricoltura di passare dall’essere la causa principale del degrado al principale catalizzatore per il ripristino della terra e del suolo.

Le comunità rurali povere, i piccoli agricoltori, le donne, i giovani, i popoli indigeni e altri gruppi a rischio sono colpiti in modo sproporzionato dalla desertificazione, dal degrado del suolo e dalla siccità. Allo stesso tempo, la conoscenza tradizionale e locale dei Popoli Indigeni e delle comunità locali, amministratori comprovati del territorio, rappresentano un vasto deposito di capitale umano e sociale che deve essere rispettato e può essere utilizzato per proteggere e ripristinare il capitale naturale.

E’ necessario un sostegno finanziario immediato per finanziare la conservazione e il ripristino nei Paesi in via di sviluppo con una quota maggiore della distribuzione globale di ecosistemi intatti, ricchi di biodiversità e ricchi di carbonio.

I progetti ei programmi di restauro tendono ad avere effetti moltiplicatori a lungo termine che rafforzano le economie rurali e contribuiscono a un più ampio sviluppo regionale. Generano posti di lavoro che non possono essere esternalizzati e gli investimenti stimolano la domanda a vantaggio delle economie e delle comunità locali.

Riunire i piani d’azione nazionali attualmente isolati nell’ambito dell’UNCCD, della Convention on Biological Diversity e dell’United Nations framework convention on climate change rappresenta un’opportunità immediata per allineare obiettivi e impegni per attuare il ripristino del territorio, realizzare molteplici vantaggi e massimizzare i ritorni sugli investimenti.

I diritti sulla terra e sulle risorse, garantiti da leggi applicabili e istituzioni affidabili, possono trasformare le risorse fondiarie poco performanti in opportunità di sviluppo sostenibile, aiutando a mantenere società eque e coese. Una governance del territorio inclusiva e responsabile, inclusa la sicurezza del possesso, è un modo efficace per bilanciare i compromessi e sfruttare le sinergie che ottimizzano i risultati del ripristino.

Le praterie e le savane sono ecosistemi produttivi e ricchi di biodiversità che corrispondono alle foreste sia nella loro estensione globale che nel loro bisogno di protezione e ripristino. Altrettanto importanti sono le zone umide, che sono in declino a lungo termine con una media di perdite tre volte superiore a quella della perdita globale di foreste negli ultimi decenni. Sostenere la loro capacità di assorbire e immagazzinare carbonio è la chiave per un futuro climaticamente resiliente.

Le monocolture intensive e la distruzione delle foreste e di altri ecosistemi per la produzione di cibo e materie prime producono la maggior parte delle emissioni di carbonio associate al cambiamento dell’uso del suolo.

Se le attuali tendenze al degrado del suolo continuano, aumenteranno le interruzioni dell’approvvigionamento alimentare, la migrazione forzata, la rapida perdita di biodiversità e l’estinzione delle specie, accompagnate da un rischio maggiore di malattie zoonotiche come il Covid-19, il peggioramento della salute umana e i conflitti per le risorse della terra.

Il GLO2 fornisce anche centinaia di esempi di tutto il mondo che dimostrano il potenziale del ripristino del territorio e che includono il rewilding – riducendo l’impronta umana per consentire ai processi ecologici naturali di ristabilirsi – nella Grande Vale do Côa nel nord del Portogallo e nelle zone umide di Iberá in Argentina; preparazione alla siccità e riduzione del rischio attraverso programmi nazionali in Messico, Stati Uniti e Brasile; mitigazione delle sorgenti di tempeste di sabbia e polvere in Iraq, Cina e Kuwait; e il ripristino gender-responsive della terra in Mali, Nicauragua e Giordania. Ci sono anche casi di strategie integrate di inondazione e siccità, nonché di ripristino del territorio forestale utilizzando colture di alto valore.

L’UNCCD spiega che «Le buone pratiche possono riguardare l’agricoltura a terrazzamento, la conservazione e il ripristino dei bacini idrografici e la raccolta e lo stoccaggio dell’acqua piovana. Oltre ai vantaggi economici, queste misure migliorano la ritenzione e la disponibilità idrica, prevengono l’erosione del suolo e le frane, riducono il rischio di inondazioni, sequestrano il carbonio e proteggono l’habitat della biodiversità».

Il rapporto fa l’esempio della Grande Muraglia verde africana come «Iniziativa di ripristino regionale che abbraccia un approccio integrato con la promessa di trasformare la vita di milioni di persone». Per Thiaw, «I casi di studio da tutto il mondo presentati in GLO2 chiariscono che il ripristino del territorio può essere implementato in quasi tutti i contesti e su molte scale spaziali, suggerendo che ogni Paese può progettare e attuare un’agenda di ripristino del territorio su misura per soddisfare le proprie esigenze di sviluppo».

Molti dei casi, aggiunge, sottolineano il valore dell’istruzione, della formazione e del rafforzamento delle capacità, non solo per le comunità locali, ma anche per i funzionari governativi, i gestori del territorio e i pianificatori dello sviluppo: «Collegare l’impegno locale alle politiche e ai bilanci nazionali aiuterà a garantire un’agenda di ripristino reattiva e ben allineata che produca risultati tangibili per le persone, la natura e il clima. Prevenire, arrestare e invertire il degrado degli ecosistemi in tutto il mondo è l’obiettivo dell’UN Decade on Ecosystem Restoration (2021-2030), che richiede una risposta ampia ed equilibrata, rivolta a tutti gli ecosistemi e alla loro connettività per ristabilire un mosaico paesaggistico sano. Questi sforzi sono strettamente allineati con l’obiettivo SDG 15.3, che invita i Paesi a impegnarsi per raggiungere la Land Degradation Neutrality  (LDN) entro il 2030.

Thiaw conclude: «Mentre è iniziato il decennio del ripristino, la speranza rimane. Ora è il momento di sfruttare la volontà politica, l’innovazione e l’azione collettiva per ripristinare la nostra terra e il nostro suolo per il recupero a breve termine e la rigenerazione a lungo termine per garantire un futuro più stabile e resiliente».

218 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria