Lunedì, 05 dicembre 2022 - ore 03.05

I cicloni tropicali riducono in miseria a milioni di persone

Cuba e le Filippine duramente colpite. Gli allarmi precoci salvano vite

| Scritto da Redazione
I cicloni tropicali riducono in miseria a milioni di persone

Due potenti cicloni tropicali stanno portando miseria per milioni di persone in parti opposte del mondo. L’uragano Ian ha causato devastazione nella parte occidentale di Cuba ed è aumentato in forza e dimensioni mentre si dirige verso la Florida. Il tifone Noru ha subito un’intensificazione esplosiva prima di colpire le Filippine ed ora è in rotta verso il Vietnam.

L’uragano Ian ha colpito Cuba occidentale il 27 settembre e poi si è rafforzato ed è aumentato notevolmente di dimensioni sulle calde acque del Golfo del Messico mentre si spostava verso la Florida dove ieri è atterrato vicino a Fort Meyers in aree residenziali densamente popolate e basse e si teme che possa essere l’uragano più forte a colpire l’area in un secolo.

Ian ha colpito la provincia cubana di Pinar del Río come un uragano di categoria 3, con venti a 205 km/h e raffiche ancora più forti, secondo il Regional Specialized Meterological Center (RSMC) di Miami della Wmo, alla fine Cuba occidentale riceverà da 152 a 304 millimetri di pioggia, con massimi locali fino a 406 mm, che portano a inondazioni improvvise e slavine di fango. secondo l’ufficio dei coordinatori residenti dell’Onu a Cuba stima che siano state colpite più di 3 milioni di persone,  Il presidente cubano Miguel Díaz Canel ha detto che i danni causati dall’uragano Ian sono probabilmente significativi, sebbene siano state effettuate solo valutazioni preliminari. Ma, come conferma la Wmo, «Cuba è un leader mondiale in termini di riduzione del rischio di catastrofi, con una lunga esperienza nell’affrontare gli impatti di uragani e tempeste tropicali. Non ci sono al momento notizie di vittime. Ma ci sono stati gravi danni alle infrastrutture, agli alloggi, all’agricoltura, all’elettricità e ai servizi di telecomunicazioni. Pinar del Río, la provincia più colpita, ospita il 75% della produzione di tabacco del paese – un’esportazione chiave per Cuba – e circa il 40% della produzione nazionale di fagioli».

Ian si è intensificato rapidamente diventando un uragano di categoria 4 molto forte (vento massimo sostenuto vicino a 155 mph – 250 km/h – con raffiche più elevate) fino al suo approdo sulla costa occidentale della Florida. RSMC Miami ha  avvertito di possibili catastrofici danni causati dal vento vicino all’occhio di Ian quando si sposta a terra e di pericolo di vita per mareggiate e inondazioni catastrofiche associate a questo uragano di grandi dimensioni ed estremamente pericoloso.

La combinazione di mareggiate  e marea fa sì che le aree normalmente asciutte vicino alla costa vengano allagate dall’aumento delle acque che si spostano nell’entroterra dalla costa. RSMC Miami ha avvertito che nelle aree più colpite l’acqua potrebbe raggiungere da 3,5 a 4,8 metri di altezza. Le forti piogge si diffonderanno nella Florida centrale e settentrionale fino ad oggi, poiché si prevede che Ian rallenterà il suo spostamento in avanti, fraggiungendo aree del sud-est degli Stati Uniti entro la fine della settimana e per l’1-2 ottobre sono previste inondazioni catastrofiche in alcune zone della Florida centrale  e inondazioni considerevoli nella Florida settentrionale, nella Georgia sudorientale e lungio la costa della South Carolina.

Sulla base delle previsioni del National Hurricane Center, il governatore della Florida Ron de Santis ha emesso ordini di evacuazione obbligatoria per le aree più colpite, mobilitato centri sanitari e di accoglienza.

La Wmo, fa notare che «Come Cuba, la Florida ha una lunga esperienza nell’affrontare gli uragani ed è estremamente ben preparata. Tuttavia, Ian rappresenta una minaccia eccezionale a causa delle sue dimensioni, della sua forza e del suo approdo in un’area bassa e densamente popolata».

Il tifone Noru, che nelle Filippine è stato chiamato Karding, ha avuto un’intensificazione “esplosiva” il 24 settembre, diventando un un “super tifone” che ha colpito la parte nord-orientale delle Filippine il 25 settembre come con venti sostenuti di 195 km/h (121 mph) prima di proseguire attraverso l’isola principale di Luzon il 25 settembre. Il servizio meteorologico e idrologico nazionale delle Filippine, DOST-PAGASA, lo ha innalzato fino al Tropical Cyclone Wind Signal (TCWS) n. 5 – il TCWS più potente che può essere emesso.

Secondo un’analisi dei disastri, nell’area più colpita vivono più di 2 milioni di persone e quasi 430.000 persone hanno subito forti danni. Nonostante il tempo relativamente breve per la mobilitazione, migliaia di persone sono state evacuate, limitando così la perdita di vite umane.

Dal 26 al 27 settembre, il tifone Noru si è diretto verso il Vietnam e si è nuovamente intensificato. Il National Center for Hydrometeorological Forecasting (NCHMF) ha dichiarato che è atterrato nell’area di Da NangQuang Ngai, con il vento più forte nell’area vicino al centro della tempesta è stato misurato a 134-166 km/h equivalente a un uragano di categoria 2 sulla Scala SaffirSimpson. I forti venti si estendono verso l’esterno a circa 250 km dal centro della tempesta e i venti più forti a circa 100 km.

La Viet Nam Disaster Management Authority ha tenuto una riunione della Disaster Risk Reduction Partnership (DRRP) per gestire le evacuazioni e mobilitare i soccorsi di emergenza. Sulla base degli allarmi, la Fao aveva già distribuito contanti e fusti impermeabili per immagazzinare cibo e risorse agricole (ad esempio sementi e attrezzi) alle comunità che dovrebbero essere colpite. Le sta anche aiutando a spostare il loro bestiame in luoghi al sicuro dalle inondazioni provocate dai tifoni.

I nuovi cicloni tropicali seguono da vicino l’uragano Fiona, che ha causato inondazioni mortali nei Caraibi ed è stato il più forte uragano mai registrato a colpire il Canada, mentre il tifone Nanmadol che ha provocato l’evacuazione di 9 milioni di persone in Giappone.

Cyrille Honoré, Direttore disaster risk reduction and public services branch. Della World meteorological organization (Wmo), sottolinea che «Nel giro di due settimane, abbiamo assistito a potenti cicloni tropicali in successione, con venti devastanti, precipitazioni estreme e inondazioni in parti densamente popolate del mondo. Preavvisi accurati e un’azione tempestiva coordinata si stanno rivelando fondamentali per limitare le vittime e la comunità della Wmo ha senza dubbio salvato molte vite, ma l’impatto umano e socioeconomico di questi cicloni si farà sentire per anni».

La Wmo ricorda che «Si prevede che il cambiamento climatico porterà ad un aumento della quota  di grandi cicloni tropicali e ad aumentare le forti precipitazioni associate a questi eventi, mentre l’innalzamento del livello del mare e lo sviluppo urbanistico costiero stanno peggiorando l’impatto delle inondazioni costiere».

Il segretario generale della Wmo, Petteri Taalas, conclude: «La scienza climatica è sempre più in grado di dimostrare che molti degli eventi meteorologici estremi che stiamo vivendo sono diventati più probabili e più intensi a causa del cambiamento climatico indotto dall’uomo. Lo abbiamo visto ripetutamente quest’anno, con tragici effetti. E’ più importante che mai intensificare l’azione sui sistemi di allerta precoce per costruire la resilienza ai rischi climatici attuali e futuri nelle comunità vulnerabili».

 

FONTE https://greenreport.it/

148 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria