Domenica, 17 ottobre 2021 - ore 08.23

Il 5% delle centrali elettriche è responsabile del 73% delle emissioni dell’industria energetica

Le centrali elettriche "iper-inquinanti" sono tutte a carbone. La peggiore è Rogowiec in Polonia

| Scritto da Redazione
Il 5% delle centrali elettriche è responsabile del 73% delle emissioni dell’industria energetica

Secondo il nuovo studio “Reducing CO2 emissions by targeting the world’s hyper-polluting power plants”, pubblicato su Environmental Research Letters da Don Grant, David Zelinka e Stefania Mitova dell’università del Colorado – Boulder, «Solo il 5% di tutte le centrali elettriche a livello globale, tutte alimentate a carbone, è responsabile del 73% delle emissioni di carbonio del settore elettrico». I ricercatori chiedono di riduzione le emissioni delle centrali elettriche “iper-inquinanti”.

In un’intervista a Vice, Grant ha sottolineato che «Una delle sfide che gli attivisti climatici devono affrontare è determinare di chi è esattamente la colpa della crisi climatica. Il nostro studio inizia ad affrontare questo problema dall’identificare i super inquinatori».

Per identificare i più grandi inquinatori del mondo, il team dell’università del Colorado ha analizzato i dati sulle emissioni di oltre 29.000 centrali elettriche a combustibili fossili in 221 Paesi. Queste centrali elettriche sono alimentate totalmente a carbone, altamente inefficienti e concentrate nell’emisfero nord.

La centrale più inquinante di tutte è quella di Rogowiec, in Polonia, un impianto che produce il 20% dell’elettricità del Paese Ue e che nel 2018 ha emesso 38 milioni di tonnellate di CO2.  6 delle 10 centrali più inquinanti si trovano in Cina e nell’Asia orientale; due sono in India; e due in Europa, compresa Rogowiec che la Polonia, nonostante gli obiettivi Ue, prevede di chiudere solo nel 2036. Anche altri Paesi, , tra cui Corea del Sud, Giappone e Australia, mostrano modelli energetici simili

Oltre alle 10 con più elevate emissioni, le centrali a carbone che hanno causato il maggior riscaldamento atmosferico sono raggruppate negli Stati Uniti (nella metà orientale del Paese), Europa, India e Asia orientale.  Nessuna delle centrali iper inquinanti del mondo si trovano in Sud America, in Africa o nel Pacifico, che costituiscono gran parte di ciò che è ampiamente considerato il “Sud del mondo” che dovrà sostenere il peso delle conseguenze dei cambiamenti climatici, nonostante che contribuisca molto poco a produrlo.

I ricercatori hanno calcolato quanto gli “iper inquinatori” potrebbero ridurre le emissioni aumentando la loro efficienza, passando a combustibili low carbon o utilizzando una tecnologia di cattura del carbonio e hanno scoperto che «Aumentare l’efficienza delle centrali elettriche iper-inquinanti ridurrebbe le emissioni totali del settore energetico globale del 25%. Passare dal carbone al petrolio o al gas ridurrebbe le emissioni di circa il 30%, mentre l’installazione di una tecnologia di cattura del carbonio ridurrebbe quasi della metà le emissioni». Una ricetta “graduale” e prudente  che non piacerà molto alle associazioni ambientaliste che chiedono di abbandonare il più velocemente possibile tutti i combustibili fossili e che sono in gran parte contrarie alle trecnologie carbon capture and storage.

Ma Grant fa notare che «Nessuna soluzione politica è valida per tutti. Alcuni paesi.  Corea del Sud, Germania, Giappone e Australia  potrebbero trovare più successo nel guardare a  uno o due mega-emettitori, mentre altri potrebbero vedere lo stesso risultato approvando normative di ampio respiro a livello di industria».

Gli autori dello studio concludono: «I risultati suggeriscono che invece di fare affidamento su iniziative ambientali radicali, è possibile ottenere sostanziali progressi ambientali prendendo di mira in modo selettivo gli iper-inquinatori nazionali – i peggiori – che sono responsabili della maggior parte del loro inquinamento da carbonio. Mentre l’infrastruttura energetica per la combustione di combustibili fossili continua ad espandersi e l’urgenza di combattere il cambiamento climatico cresce, le nazioni dovranno probabilmente prendere in considerazione strategie più opportune di questo tipo».

176 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria