Mercoledì, 19 settembre 2018 - ore 13.17

Il Patto di gemellaggio tra Cremona e Füssen firmato anche in terra bavarese

Ribadito il legame tra le due città nel segno della cultura e del turismo.

| Scritto da Redazione
Il Patto di gemellaggio tra Cremona e Füssen firmato anche in terra bavarese

Il 4 maggio, nella Sala dei Quadri di Palazzo Comunale, è stato firmato il Patto di Gemellaggio tra le città di Cremona e di Füssen. Come allora annunciato, nel corso di una solenne cerimonia, analoga sottoscrizione è avvenuta nel pomeriggio di sabato 7 luglio nella Kaisersaal del Museo della Città di Füssen. In questa suggestiva cornice il Borgomastro Paul Jacob e il Sindaco di Cremona Gianluca Galimberti, al termine dei discorsi ufficiali, hanno rinnovato il legame tra le due città.

Un’accoglienza molto calorosa, sia da parte delle autorità cittadine che dagli abitanti della città bavarese, è stata riservata alla delegazione cremonese che, oltre al Sindaco, comprendeva la Presidente del Consiglio comunale Simona Pasquali, l’Assessore Rosita Viola, il presidente della Commissione Cultura Luca Burgazzi, e la consigliera comunale Maria Lucia Lanfredi. Con loro anche Paolo Bodini, in qualità di presidente di friens of Stradivari, e Carlo Alberto Carutti, che avevano avviato i primi contatti con la città bavarese.

La prima parte della cerimonia ha visto l’esecuzione dell’Inno nazionale italiano, di quello tedesco ed europeo e balli tradizionali eseguiti da bambini nei tipici costumi bavaresi. Nella Kaisersaal del Museo di Füssen i discorsi ufficiali e la firma del Patto di gemellaggio sono stati preceduti e seguiti da un momento musicale e quindi dallo scambio di doni e dalla firma del Libro d’Onore.

Un gemellaggio che non è un atto formale, ma la decisione di continuare progetti comuni, come ha dichiarato tra l’altro il Sindaco Gianluca Galimberti nel suo discorso, in quanto Cremona, con il suo Distretto culturale della Liuteria, deve aprirsi all’incontro progettuale con altre città e in particolare con quelle che, per storia e tradizioni, sono più vicine come, in questo caso, Füssen. Ma non solo liuteria, ha ribadito il Sindaco di Cremona, ma anche scambi che vanno sotto il nome di relazioni turistiche tra due città, due regioni e due paesi. Scambi turistici tra territori che hanno vicinanze culturali forti e coltivano progetti comuni, in quanto gli spostamenti turistici significano economia e sviluppo ed anche possibilità di apertura e incontro.

“Firmare questo gemellaggio, oggi come già avevamo fatto qualche mese fa a Cremona, va al di là del gemellaggio stesso, ma diventa un modo palese per dichiarare che crediamo nell’Europa, che l’Europa si fonda su una cultura che unisce, che va riscoperta, che si incarna in donne e uomini che lavorano per darle un volto, che, se accompagnata e fatta crescere, diventa fonte di sviluppo e di ricchezza anche economica. Füssen e Cremona insieme, nel nome della musica, di quel fiume mosso e spinto dai nostri violini e archi, perché questo fiume cresca sempre di più e inondi i paesi del mondo e le nostre coscienze innanzitutto e quelle delle donne e degli uomini di oggi di un senso di bellezza, di un desiderio di pace”, ha concluso il Sindaco Galimberti.

 

166 visite

Articoli della stessa categoria