Domenica, 22 settembre 2019 - ore 04.00

Il punto di Rosario Amico Roxas. Aldo Moro: ciò che non si vuole dire

Roxas ha commentato la pagina Facebook della Consulta del Seminario di Caltanissetta, dopo la conferenza di Castagnetti nel centenario della nascita di Moro

| Scritto da Redazione
Il punto di Rosario Amico Roxas. Aldo Moro: ciò che non si vuole dire

Ho così commentato la pagina Facebook della Consulta del Seminario di Caltanissetta, a proposito della conferenza dell’on. Castagnetti nel centenario della nascita di Aldo Moro: «Mi sarei atteso almeno un fugace accenno all’uccisione di Moro, immediatamente attribuita alla Brigate Rosse, con una stupefacente superficialità. Moro poche settimane prima si era recato negli Stati Uniti per spiegare le motivazioni di talune sue intuizioni politiche. Venne trattato malissimo da Kissinger, al punto di anticipare il rientro in Italia. poche settimane dopo quell’attentato, attribuito a terroristi della domenica; un attentato che pochissime unità altamente specializzate avrebbero saputo effettuare con la precisione chirurgica che qualificò l’azione. Fu colpita la scorta senza minimamente sfiorare Moro, pur nella gragnuola di colpi. Oggi si parla di Moro e delle sue idee (che gli procurarono quella fine atroce), ma si continua a nascondere la verità, rifiutando di cercarla, fin quando la verità sarà sacrificata a interessi politici, saranno sempre l’etica e la morale a finire a pezzi. Onore ad Aldo Moro!».

L’uccisione materiale dell’on. Moro fu a opera delle Brigate Rosse, ma il mio riferimento riguarda l’azione militare del sequestro che non avrebbe mai potuto essere svolta da rivoluzionari della domenica, privi dell’adeguato addestramento militare. Sarebbe, inoltre, stupido voler far credere che un raggruppamento ultracomunista compisse una azione tanto decisa, proprio nei confronti di uno statista che, per primo e con autorevolezza, propugnava un’assunzione di responsabilità di governo del Partito Comunista, allora in fase di rigenerazione democratica con Enrico Berlinguer. A suo tempo si parlò di un commando americano oppure israeliano, i soli al mondo in grado di compiere un così deciso e preciso colpo di mano. Compiuta la missione lasciarono la rimanente operazione alle Brigate Rosse, per dare loro un credito che nessuna persona dotata di un minimo di intelligenza avrebbe loro concesso. A quel punto si trattava di un anziano leader politico che voleva solamente ritornare a casa, ma dai vertici dell’operazione giunse la negativa, perchè temevano rivelazioni che avrebbero coinvolto l’alleato/padrone USA o il complice sionista.

Consiglio la lettura di questo articolo.

Rosario Amico Roxas

836 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Palazzo Pignano (CR), area archeologica della villa tardoantica e Antiquarium Iniziativa di sabato 21

Palazzo Pignano (CR), area archeologica della villa tardoantica e Antiquarium Iniziativa di sabato 21

Giornate Europee del Patrimonio 2019 Presentate le iniziative organizzate in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 20 19 presso l’area archeologica e l’Antiquarium di Palazzo Pignano (CR) che comprendono laboratori didattici e visite guidate agli scavi in corso, grazie a Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Cremona, Lodi e Mantova ed all’Università Cattolica del Sacro Cuore.
RICORDANDO ALBERT SCHWEITZER

RICORDANDO ALBERT SCHWEITZER

Ricorrendo l'anniversario della scomparsa di Albert Schweitzer, il 4 settembre 2019 a Viterbo presso il "Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera" si e' svolta una commemorazione del grande amico dell'umanita', commemorazione che e' stata altresi' occasione per riflettere sui compiti dell'ora delle persone amiche della nonviolenza, con particolar riferimento alla situazione internazionale ed alla situazione italiana attuale.
Vittore Soldo (Pd) : Perché sosteniamo Mirko Signoroni, sindaco di Dovera alla Presidenza Provincia Cremona

Vittore Soldo (Pd) : Perché sosteniamo Mirko Signoroni, sindaco di Dovera alla Presidenza Provincia Cremona

In ragione di questi fatti e di queste domande vorrei anche esplicitare il motivo per cui il Partito Democratico ha scelto di sostenere Mirko Signoroni nella candidatura a Presidente della Provincia: al di la della già espressa volontà di allargare lo spettro di rappresentanza e di condivisione della visione si è cercato di ragionare sul profilo di una figura che riuscisse a dare una certa continuità d’azione all’ente e che non fosse di prima nomina, senza nulla togliere ai sindaci di prima nomina, ovviamente
L’ATTUALITA’ DI DON PRIMO MAZZOLARI, OGGI COME ALLORA PROFETA IN PATRIA| Giorgino  Carnevali

L’ATTUALITA’ DI DON PRIMO MAZZOLARI, OGGI COME ALLORA PROFETA IN PATRIA| Giorgino Carnevali

(Questa è politica da pattumiera. Se non la smettiamo tornando a misurare gli uomini per quel che valgono e le dottrine per quel che valgono, a breve saremo sommersi dalle nostre stesse vergogne…sono così semplici e così vere queste poche considerazioni che nessuno osa negarle. Anzi, non c’è partito che non le dichiari enfaticamente. Poi se ne scordano subito perché s’accorgono che non c’è tornaconto immediato…) (Mazzolari)