Lunedì, 09 dicembre 2019 - ore 22.54

Il suolo minacciato.

| Scritto da Redazione
Il suolo minacciato.

Filiera Corta Solidale nell'ambito del Progetto "Famiglie oltre la C.R.I.S.I."
presenta: Il suolo minacciato
Dalla Food Valley un allarme contro il consumo di territorio
ospite della serata il regista e autore
Nicola Dall'Olio

Giovedì 20 gennaio 2011 ore 21,00 presso il
Teatro Monteverdi via Dante 149 Cremona

Ingresso gratuito
Il film aderisce alla campagna
"Stop al consumo di territorio"
http://www.stopalconsumoditerritorio.it/ 

Negli ultimi anni nella pianura padana si sono perduti migliaia di ettari di suolo agricolo ad opera di una dilagante espansione urbana ed infrastrutturale. Nella sola Food Valley parmense, luogo di produzioni agroalimentari di eccellenza, lo sprawl urbano (termine che indica una rapida e disordinata crescita del tessuto urbano), con i suoi capannoni, le sue gru, le sue strade, il suo cemento consuma un ettaro di suolo agricolo al giorno. Partendo da questo caso emblematico e paradossale, il film Il suolo minacciato mostra senza veli quanto sta accadendo al territorio e al paesaggio evidenziando l'importanza di preservare una risorsa finita e non rinnovabile come il suolo agricolo. Per quanto ambientato nella pianura parmense, il film, attraverso il montaggio di interviste ad esperti ed agricoltori locali, affronta il problema nazionale del consumo di suolo e della dispersione urbana, analizzandone costi e cause per poi proporre modelli alternativi di sviluppo urbano sulla scorta delle esperienze di altri paesi europei, come la Germania e la Francia, o di piccoli Comuni italiani, come Cassinetta di Lugagnano in provincia di Milano.

scarica la locandina dell'evento:
http://img560.imageshack.us/f/ilsuolominacciato.jpg/

La serata è promossa dal coordinamento Filiera Corta Solidale, al quale partecipano: ACLI Cremona, ARCI Cremona, Ass. ALIAC, Ass. Gruppo Incontro, Ass. Lumen, AVAL, Caritas Cremonese, Comitato Provinciale Beni Comuni, Cooperativa Nonsolonoi, Coordinamento Provinciale Libera Cremona, GAS Castelleone, GAS Crema, GAS Cremona, GAS Filiera Corta Solidale, GAS Soncino,
GIT Banca Etica, Mani Tese Cremona, Slow Food Cremona, LUCI Laboratorio Urbano Civica iniziativa Cremona.
Aderiscono all'evento: Circolo Culturale AmbienteScienze, Coordinamento Comitati Ambientalisti Lombardia, CrArt, Forum giovani Ambiente, Fiab Cremona,
ISDE Medici per l'Ambiente, Italia Nostra, Legambiente Cremona, Ricreare Cremona, UNA Cremona, WWF Cremona.
In collaborazione con: Comune di Cremona Settore Politiche Sociali, Centro per le Famiglie, Cisvol Cremona
Con il contributo di ASL Cremona
________________________
una spesa diversa è possibile: ecologica, economica, solidale
www.filieracortasolidale.it


Vincitore del ViaEmiliaDocFest 2010, festival del documentario di Reggio Emilia

Il film "Il suolo minacciato" è stato realizzato per denunciare il progressivo e irrecuperabile consumo di territorio di una delle zone agricole più fertili di Italia, la pianura Padana, ma non solo di questa allo scopo di sensibilizzare la popolazione sul tema urgente. Nel lungometraggio, attraverso interviste a urbanisti, sociologi, esperti di ecologia, ma anche agricoltori e allevatori, si analizza il fenomeno della cementificazione, le cause, le conseguenze.
In particolare per quanto concerne le cause:
- la crescita del numero di edifici non riflette una vera necessità della popolazione, né dal punto di vista abitativo (la popolazione italiana non sta crescendo negli ultimi decenni, anzi) né da quello industriale (non si contano i distretti industriali "fantasma", zeppi di capannoni completamente vuoti).
- il vero motore di questa corsa al mattone è la speculazione da una parte e la necessità dei comuni di avere le risorse economiche per far fronte alle spese comunali correnti, risorse che non vengono più fornite dallo stato. I Comuni svendono così il loro territorio per incamerare gli oneri di urbanizzazione, senza considerare che utilizzano una risorsa finita per sopperire ad un bisogno (le spese amministrative correnti) che non si esaurirà mai
Da qui la denuncia delle conseguenze:
- la cementificazione impoverisce il paese di territorio agricolo necessario per rispondere alla domanda di risorse alimentari che sarà sempre crescente (si costruisce nelle pianure più fertili)
- la cementificazione distrugge il territorio in modo irreversibile: occorrono millenni affinché un territorio precedentemente cementificato abbia di nuovo le caratteristiche adatte per essere utilizzato come territorio agricolo
- la cementificazione diffusa su vaste aree extraurbane (il fenomeno dello sprawl, e cioè la rapida e disordinata crescita di aree cittadine) devasta il paesaggio e produce aumento di traffico automobilistico, aumento del consumo di risorse, aumento dell'inquinamento
- la cementificazione selvaggia produce costi sociali che si esprimono nel disagio di vivere in un paesaggio degradato che non viene più riconosciuto come proprio luogo di appartenenza, in quartieri dormitorio che mancano di luoghi di aggregazione sociale, nella necessità di trascorrere ore in automobile per spostarsi dal luogo di residenza al luogo di lavoro
Nel film vengono anche descritti modelli alternativi possibili: l'Inghilterra, la Francia, ma soprattutto la Germania adottano già da anni politiche per ridurre il consumo di territorio, salvaguardare il terreno agricolo e boschivo e concentrare l'edificazione; questo nella consapevolezza che l'edificato è già più che sufficiente che lo sviluppo economico non è necessariamente e indissolubilmente legato alla distruzione del territorio.

Nicola Dall'Olio, coniugato, è nato a Parma il 5/03/1969. Si è laureato in scienze geologiche (1994) e filosofia (2003) ed ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in ecologia (2008) presso l'Università degli Studi di Parma. Attualmente lavora per il Servizio Agricoltura della Provincia di Parma occupandosi dei rapporti tra agricoltura e ambiente, di pianificazione territoriale e di fonti energetiche rinnovabili. Dal dicembre 2007 è presidente dell'Azienda Agraria Sperimentale Stuard, azienda speciale di proprietà della Provincia di Parma. E' nel comitato direttivo del WWF locale e membro di ASPO Italia (Associazione per lo Studio del Picco del Petrolio). Nel 2009 ha scritto, per conto di Regione Emilia Romagna e Provincia di Parma, soggetto e sceneggiatura di un documentario sul paesaggio della Via Emilia. Nel biennio 2008-2009 ha promosso e curato, per conto dell'Azienda Agraria Sperimentale Stuard, la produzione di un notiziario televisivo settimanale sull'agricoltura e di una serie di cortometraggi sulla biodiversità agricola parmense trasmessi da una emittente TV locale. Nel 2006 ha coordinato la produzione di un filmato di sensibilizzazione multilingue sui rischi e gli impatti del cambiamento climatico nell'ambito del progetto comunitario INTERREG ACCRETe (Agricoltura e Cambiamenti Climatici). E' alla sua opera prima come regista.

1455 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Cremona PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI PAOLO LAGAZZI COME LIBELLULE FRA IL VENTO E LA QUIETE   GIOVEDì 5/12

Cremona PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI PAOLO LAGAZZI COME LIBELLULE FRA IL VENTO E LA QUIETE GIOVEDì 5/12

PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI PAOLO LAGAZZI COME LIBELLULE FRA IL VENTO E LA QUIETE GIOVEDì 5/12 Giovedì 5 Dicembre alle ore 17 al Museo della Civiltà Contadina “Il Cambonino vecchio”, in Viale Cambonino 22 a Cremona, per la Rassegna Anteprima di Antropologos Festival 3A edizione,verrà presentato il libro del saggista e scrittore Paolo Lagazzi “Come libellule fra il vento e la quiete”- Fluttuando tra Giappone e Occidente