Venerdì, 30 ottobre 2020 - ore 15.03

In Inghilterra non escluso nuovo lockdown nazionale

Da oggi altri 2 mln di cittadini in lockdown. Il ministro della Salute: "La situazione è molto grave"

| Scritto da Redazione
In Inghilterra non escluso nuovo lockdown nazionale

Il primo ministro Boris Johnson a inizio settimana lo aveva escluso ma il governo inglese non ha accantonato del tutto la prospettiva di proclamare un secondo lockdown generale, causa coronavirus. Tutto dipenderà dall’andamento della curva dei contagi.

E se non si parla ancora esplicitamente di seconda ondata, i dati della recrudescenza dei contagi da Covid-19 in Inghilterra sono preoccupanti, con i nuovi casi che da giorni sono sopra quota 3mila al dì. Il ministro della salute britannico Matt Hancock ieri aveva annunciato nuovi lockdown mirati nel nord est del paese, per 2 milioni di cittadini interessati, dove si registrano tra 70 e 103 casi ogni 100.000 abitanti, un tasso molto superiore alla media naz

Già nelle settimane scorse restrizioni sociali, sugli orari di pub e locali pubblici, erano state decise nelle aree del Northumberland, di North e South Tyneside, Gateshead, nella contea di Durham, in città come Bolton, Birmingham, Leicester, Newcastle e Sunderland. In tutto sono 10 milioni circa i cittadini interessati dalle chiusure nel Regno Unito.

Oggi Hancock ribadisce che in UK "la situazione è molto grave" perché nelle ultime settimane c’è stata "un'accelerazione" dei contagi e per questo "è fondamentale che le persone seguano le regole", come quella del 6 (il numero massimo di persone che possono riunirsi all’aperto e al chiuso) in modo da "evitare di dover prendere altre serie misure" ma un nuovo lockdown totale è "l'ultima linea di difesa" e non si può affatto escludere, ha chiarito il ministro.

Non va di certo meglio in Francia, con oltre 10mila casi nelle ultime 24 ore e 50 morti, mentre in Germania nell’ultimo giorno ci sono stati 2mila contagi: "Più della metà dei Paesi Ue ha segnalato un aumento dei casi superiore al 10% nelle ultime due settimane" conferma preoccupata l’Organizzazione mondiale della Sanità.

ionale.

 

 
263 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria