Giovedì, 21 ottobre 2021 - ore 17.24

INIZIATO IL PROCESSO CONTRO IGOR IL RUSSO-NELLA FUGA ERA PASSATO ANCHE DA CREMONA

INIZIATO IL PROCESSO CONTRO IGOR IL RUSSO NELLA FUGA ERA PASSATO ANCHE DA CREMONA LA MAPPA DEGLI OMICIDI

| Scritto da Redazione
INIZIATO IL PROCESSO CONTRO IGOR IL RUSSO-NELLA FUGA ERA PASSATO ANCHE DA CREMONA INIZIATO IL PROCESSO CONTRO IGOR IL RUSSO-NELLA FUGA ERA PASSATO ANCHE DA CREMONA INIZIATO IL PROCESSO CONTRO IGOR IL RUSSO-NELLA FUGA ERA PASSATO ANCHE DA CREMONA
E' cominciato in Spagna, al tribunale provinciale di Teruel, il processo a Norbert Feher, noto come Igor "il russo".
Imponenti le misure di sicurezza per portare in tribunale il cittadino serbo accusato di aver ucciso nel 2017 tre persone nella cittadina spagnola.
 
Domenica - Feher ha aggredito anche con una piastrella, a calci e pugni diversi funzionari del carcere di Dueñas quando sono entrati nella sua cella per trasferirlo nella prigione Zuera di Saragozza.
 
Le manette ai polsi e almeno due poliziotti (fisicamente imponenti) che lo trattengono per le braccia. E poi una mascherina nera, imposta dalle misure anti covid presenti anche in Spagna.
Ma le immagini che ritraggono il trasferimento in tribunale di Igor "il russo" richiamano quelle di ''Hannibal Lecter'', il cannibale del noto film "Il silenzio degli innocenti".
 
Norbert Feher nelle fasi iniziali del processo ha lanciato occhiate di sfida a tutti.
Feher, serbo di 40 anni, venne arrestato in Spagna al termine di una latitanza di otto mesi, dopo i due omicidi commessi l'1 e l'8 aprile nelle province di Bologna e Ferrara, per cui è stato condannato all'ergastolo in appello.
Prima di essere preso, uccise in Spagna due agenti della Guardia Civil e un allevatore. Sempre in Spagna ferì gravemente altre due persone, crimine per cui e' gia' stato processato e condannato a 21 anni.
 
Nella sua fuga italiana, Igor, era passato anche da Cremona.
L'ha raccontato lui stesso agli inquirenti illustrando tutti i dettagli della sua fuga, durata 32 giorni, a piedi, con la bici e con i mezzi pubblici.
 
Nell’aprile 2017 aveva ucciso il barista di Riccardina di Budrio (Bologna) Davide Fabbri e la guardia volontaria Valerio Verri, poi nella fuga aveva attraversato Bologna, Ferrara, quindi Mantova, poi Cremona, Piacenza, Alessandria, Cuneo, fino al Col di Lombardia e al Santuario di Sant’Anna, per poi così superare il confine, attraversare la Francia e poi entrare in territorio spagnolo venendo arrestato.
 
Oggi inizia il processo contro il serial killer con la condanna all'ergastolo.
 
 
 
 
 
 
 
Potrebbe essere un'immagine raffigurante una o più persone e il seguente testo
 
 
618 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria