Domenica, 19 maggio 2024 - ore 14.00

Italia - Carcere come luogo di civilta’ (di Paolo Cova)

C’e’ ancora tanto da fare per cercare di recuperare chi si trova in carcere e che ha nell’animo il desiderio di tornare a una vita normale e lasciare dietro di se gli errori commessi

| Scritto da Redazione
Italia - Carcere come luogo di civilta’ (di Paolo Cova) Italia - Carcere come luogo di civilta’ (di Paolo Cova)

In questi giorni ho avuto modo di tornare a visitare alcune carceri e di riflettere su quanto avviene in questo mondo. Uno degli aspetti positivi che ho registrato è stata la riduzione dell'affollamento che ci aveva anche portato a una condanna da parte della Corte europea dei Diritti dell'uomo di Strasburgo. Il problema ha cominciato a risolversi in parte grazie agli interventi legislativi approvati in questa legislatura, che hanno differenziato le pene, e in parte grazie alla costruzione di nuove carceri.

Per me rimane imprescindibile un fatto: riportare a un luogo di civiltà, o quasi, un posto che resta di sofferenza è e deve essere una delle priorità di una società che ha a cuore la persona.

Il secondo aspetto che voglio segnalare è che c’è ancora tanto da fare per cercare di recuperare chi si trova in carcere e che ha nell’animo il desiderio di tornare a una vita normale e lasciare dietro di sé gli errori commessi, anche gravi. Spetta a noi cercare e costruire percorsi per aiutare questi esseri umani.

 Fonte Paolo Cova

 

 

1168 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria