Martedì, 04 ottobre 2022 - ore 05.41

MONDO - Morti per parto. 287mila nel 2010. OMS

| Scritto da Redazione
MONDO - Morti per parto. 287mila nel 2010. OMS

Circa 287mila donne morte per parto nel solo 2010 secondo l'Organizzazione mondiale della sanita', che nei prossimi dieci anni si stima possano diventare 3 milioni. Una 'strage silenziosa', cui spesso segue la morte del bambino (piu' di tre milioni bi bambini muoiono ogni anno e 2,6 milioni nascono morti), devastante non solo per le famiglie ma per intere comunita' nei Paesi in via di sviluppo, dove si concentra il 99% dei decessi. Un dramma che causa tra l'altro una perdita di 15 miliardi di dollari ogni anno all'economia mondiale, visto che il lavoro delle donne si stima valga circa un terzo del Pil del mondo. E' il campo di intervento del progetto 'Msd for mothers', che sosterra' tra l'altro il progetto Dream della comunita' di Sant'Egidio per evitare la trasmissione del virus Hiv da madre a figlio: l'Hiv-Aids, insieme ad altre co-morbilita' come malaria e infarto, rappresenta il 30% delle cause di morte materna, mentre un altro 35% e' causato da emorragie post partum. Al terzo posto si trova l'ipertensione gestazionale con il 18% dei decessi, seguita da aborti condotti in condizioni non sicure (9%) e infezioni (8%). La meta' dei decessi colpisce l'Africa Sub-Sahariana, un terzo l'Asia Meridionale (dove l'India registra di gran lunga il maggior numero di decessi). Ma la mortalita' materna non e' un problema che riguarda solo i Paesi in Via di Sviluppo. Negli Stati Uniti il tasso di mortalita' materna e' quasi raddoppiato dal 1990 a oggi. Anche se nei Paesi sviluppati il rischio si ferma a 1 su 4.300 casi, mentre nei Paesi in via di sviluppo arriva a 1 su 31 (e il Niger ha il primato negativo di 1 a 7) e solo il 46% dei parti e' assistito da personale specializzato. In alcuni villaggi africani una sola ostetrica deve assistere contemporaneamente 60 donne che partoriscono, e per ogni donna che muore al momento del parto altre 20 rimangono disabili a vita.
 
fonte: Aduc
Notizia  16 aprile 2013

1122 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria