Lunedì, 27 giugno 2022 - ore 11.00

Nuovo libro di Spi-Cgil Cremona #Nonna Ciao autore Fabrizio Caraffini

La capacità di Fabrizio Caraffini, autore di questo libro, è quella di proporci 365 storie di nonne, ognuna con un nome diverso

| Scritto da Redazione
Nuovo libro di Spi-Cgil Cremona #Nonna Ciao autore Fabrizio Caraffini

Ecco la nova pubblicazione di Spi-Cgil Cremona #Nonna Ciao autore Fabrizio Caraffini,grafica di  Palmiro  Crotti.

 Il libro NonnaCiao sarà presentato Lunedì 30 Maggio 2022 alle ore 18 , presso la ex Filanda Jacini via Jacini 42, Casalbuttano dalla Prof..ssa Donata Ardigo'

 La capacità di Fabrizio Caraffini, autore di questo libro, è quella di proporci 365 storie di nonne, ognuna con un nome diverso, ma con racconti che si intrecciano nella vita di inizio secolo, dandoci la possibilità di immergersi nei nostri ricordi, nel nostro sapere, fino ad arrivare a viverle in prima persona. Una storia al giorno, breve ma completa, con un suo inizio e una sua fine. E in mezzo rimangono la nostra immaginazione e la nostra fantasia.

Possiamo decidere di leggere il libro tutto in una volta, ma mi permetto di consigliarvi di leggere una storia al giorno, incontrando nonna Beatrice, nonna Carla, nonna Marisa, nonna Pinuccia e tante altre, affaccendate a raccontarsi con aneddoti che parlano di noi, del nostro Paese, della nostra storia. Leggerne uno al giorno per assaporarne di più il contenuto, magari uscendo di casa immaginando il periodo, la cascina, il paese, insomma farsi cullare dalla fantasia anche solo per alcuni minuti, per poi rinnovare l’appuntamento il giorno dopo e poi per tutti i giorni dell’anno.

E così piano piano assaporiamo la bellezza della prima motocicletta comprata da una donna in un piccolo paese, o quanto sia stato bello scrivere nella polvere le ingiustizie del mondo per poi aspettare che il vento se le porti via, e stiamo con la nonna analfabeta che, per aiutare la figlia negli studi, chiede di seguire le lezioni ma ottiene solamente la possibilità di stare dietro una finestra socchiusa ad ascoltare le lezioni, e poi tante, tante altre storie.

Prima di essere storie di nonne sono racconti di donne, donne che, siamo ai primi del novecento, si trovano in piena marginalità nella nostra società, ma certo non fu così per le nostre famiglie, per le nostre comunità, dove invece la loro caparbietà e la loro capacità di rendersi collante le fa diventare il baricentro della vita familiare.

La famiglia, quel contenitore che sembra racchiudere eventi di una vita individuale che sembrano appartenere alla natura, e che invece grazie alle nostre nonne- donne diventa una collettività che viene segnata dalla nascita, dall’invecchiare, dalla crescita, dalla procreazione fino ad arrivare alla morte. Il tutto tenuto insieme con un legame forte e dalla straordinaria capacità di essere una nonna e una donna.

Il filo conduttore e il legame di tutti questi racconti viene interpretato dalla grafica di Palmiro Crotti, con questo nastro che rincorre tutte le storie, entrando nel testo per disegnare l’iniziale del nome e poi continuare senza mai interrompersi, come a dimostrare quanto sia importante tenere insieme tutte le nostre esperienze di vita. Ovviamente è una mia visione personale, ma penso che il valore collettivo di tutte le cose sia immensamente superiore a qualsiasi voglia di individualità.

Si parte con il primo racconto con una data di nascita il 10 Marzo, per terminare il 6 di Marzo dopo un anno. In mezzo sta l’8 Marzo, giornata dedicate a tutte le donne e pertanto anche alle nostre “nonne”, che con tanta sofferenza e dedizione hanno contribuito alla crescita di questo Paese.

In questo periodo buio, l’augurio è che il lavoro fatto da Fabrizio possa farci riscoprire il passato per vivere meglio il futuro.

 Buona lettura

Mimmo Palmieri sg Spi-Cgil Cremona

cremona 29 maggio 2022

298 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online