Giovedì, 19 ottobre 2017 - ore 15.00

Oxfam: un mondo sempre più spaccato tra ricchi e poveri

Un profeta vissuto circa duemila anni fa, in una terra nemmeno troppo lontana dalla nostra, disse che gli ultimi sarebbero stati i primi. Almeno sulla terra, questo obiettivo rimane molto lontano.

| Scritto da Redazione
Oxfam: un mondo sempre più spaccato tra ricchi e poveri

Un profeta vissuto circa duemila anni fa, in una terra nemmeno troppo lontana dalla nostra, disse che gli ultimi sarebbero stati i primi. Almeno sulla terra, questo obiettivo rimane molto lontano. Dall’ultimo rapporto Oxfam sulle diseguaglianze emerge uno scenario angoscioso, un mondo profondamente spaccato in due tra ricchi sempre più ricchi e poveri drammaticamente più poveri.

Secondo i dati raccolti da Credit Suisse e da Oxfam la gran parte della ricchezza globale è in mano all’1% della popolazione mondiale (questa piccola porzione di cittadini possiede più ricchezza di tutto il resto del pianeta). Il dato più preoccupante è che la metà più povera della popolazione ha visto ridursi, negli ultimi 5 anni, di 1000 miliardi la propria ricchezza, anticipando di un anno ogni previsione.

Questo dato è decisamente allarmante ed è la prova che l’impoverimento dei poveri sta subendo una brusca accelerazione. Ancora peggiore è la situazione se consideriamo la distribuzione di quella che viene chiamata “nuova ricchezza”. Il reddito globale ha visto negli ultimi anni un forte incremento, una crescita che però non è equamente distribuita.

Ipotizzando una condivisione equa del Pil mondiale a ogni decimo della popolazione sarebbe spettato circa il 10% della ricchezza. Lontano dalle ipotesi la cosa è andata molto diversamente: negli ultimi 20 anni il 46% dell’aumento totale del reddito è andato a soltanto il 10%  più ricco della popolazione mondiale.

Il 10% più povero ha ottenuto soltanto lo 0,6%. Nella sostanza il 10% più ricco della popolazione globale ha ricevuto più di quanto abbia ottenuto il resto della popolazione globale, e ben il quadruplo della fetta di popolazione globale più povera.

Quelli pubblicati dall’Oxfam  sono dati allarmanti, che mostrano una situazione globale di profonda iniquità e ingiustizia. La comunità internazionale e le organizzazioni di carattere economico non possono chiudere gli occhi e continuare a voltarsi dall’altra parte. Ma è necessaria un’azione diretta, che miri a creare un sistema responsabile, e non si limita a quella cooperazione per lo sviluppo che spesso ha la triste apparenza di una mera carità.

 

(Giorgio Mirando, via TermometroPolitico.it)

744 visite

Articoli della stessa categoria

Romania domenica alle urne, tra movimenti anti-sistema e corruzione

Romania domenica alle urne, tra movimenti anti-sistema e corruzione

Domenica oltre 18 milioni di romeni saranno chiamati alle urne per eleggere tra oltre 6.500 candidati i 466 parlamentari che siederanno nella Camera e nel Senato per la prossima legislatura. Le elezioni politiche arrivano dopo un anno di governo tecnico, che ha lasciato un segno positivo sul Paese e sull'elettorato, disilluso per i numerosi casi di corruzione ad alto livello e che hanno trovato nell'esecutivo guidato dall'ex commissario Ue all'Agricoltura Dacian Ciolos un evidente esempio di come governare senza mazzette.