Venerdì, 10 aprile 2020 - ore 20.12

Pavia.Il mistero di Punta Est

| Scritto da Redazione
Pavia.Il mistero di Punta Est

Dovevano nascere residenze universitarie e invece stanno spuntando appartamenti da 2.450 euro al metro quadro. È il mistero di Punta Est, il cantiere edile sorto in via Vallone, nei pressi della Cascina Scova, che il Piano regolatore vigente aveva destinato ad area servizi.

Qualcosa, evidentemente, deve essere cambiato nel frattempo, se è vero che a oggi stanno per essere ultimate «case e abitazioni signorili, dal bilocale al quadrilocale, a 2.450 euro al metro quadro», come recitava l'inserzione
pubblicitaria apparsa sui giornali locali ai primi di luglio.

Il piano regolatore attribuiva a quel lotto, denominato 'Punta Est', unadestinazione d'uso per servizi universitari e quindi laboratori universitari, attività museali, servizi alla persona, mense, foresterie e residenze universitarie e invece oggi stanno costruendo un complesso residenziale. Come si legge, peraltro, ben evidente nel cartellone posto all'ingresso del cantiere edile.

Dopo la pubblicazione dell'annuncio sulla carta stampata abbiamo allora cercato informazioni su internet dove abbiamo trovato altri annunci simili, che fanno riferimento sempre ad abitazioni signorili e mai a residenze
universitarie. <http://www.lacortazza.it/schede_cantieri.html>
 
Continueremo perciò a chiedere al sindaco Alessandro Cattaneo e all'assessore all'Urbanistica Fabrizio Fracassi per quale motivo e a seguito di quale provvedimento è stata mutata la destinazione d'uso del lotto di Punta Est.

L'opera di costruzione prosegue indisturbata, forte di una convenzione con finalità di "sperimentazione" stipulata tra la ditta costruttrice e un dipartimento dell'Università degli Studi di Pavia in cui il privato si è impegnato a rispettare gli impegni assunti con l'Università di Pavia,realizzando unità immobiliari con l'adozione delle migliori tecniche per scopi di ricerca, come ha detto l'assessore ai Lavori pubblici Fracassi ai consiglieri comunali del Partito democratico che il 7 luglio scorso, in uno degli ultimi consigli comunali pre-festivi.

Se poi dopo qualcuno su internet o sulla Provincia pavese fa pubblicità peraltre cose, risponderà per quanto lo riguarda, ha continuato Fracassi.

Temiamo invece che si tratti di sconti sugli oneri di urbanizzazione, non ci convincono le spiegazioni di Fracassi.

Chiediamo chiarezza.
L'assessore all'Urbanistica deve spiegare com'è stato possibile trasformare in residenziale un'area che il piano regolatore destinava a servizi, come appunto quelli universitari consigliere comunale permettendo di fatto ai
costruttori di non versare al Comune gli oneri di urbanizzazione, che sarebbero stati pari a circa 400mila euro circa.

Antonio Ricci
segretario cittadino del partito democratico di Pavia
<http://www.corsocavour.info/>

2736 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Padania Acque: Attivazione ufficiale casa dell’acqua per l’ospedale da campo di Crema alla presenza delle autorità

Padania Acque: Attivazione ufficiale casa dell’acqua per l’ospedale da campo di Crema alla presenza delle autorità

Presenti il Presidente di Padania Acque Claudio Bodini, l’assessore del Comune di Crema alla cura del territorio Fabio Bergamaschi, l'Amministratore Delegato di Padania Acque Alessandro Lanfranchi, l’assessore alla cultura del Comune di Crema Emanuela Nichetti, il direttore socio sanitario dell'Asst di Crema Pier Mauro Sala, il presidente della Protezione Civile di Crema Giovanni Mussi e alcuni volontari.