Giovedì, 23 novembre 2017 - ore 01.00

Pianeta Anziani Previdenza Pensioni, Cgil: misure per donne non vanno bene

Ghiselli e Cigna: "Per noi il riconoscimento del lavoro delle donne è un concetto universalistico e non può essere ridefinito all’interno dello strumento dell’Ape sociale che, invece, è riferito ad alcune casistiche particolari"

| Scritto da Redazione
Pianeta Anziani Previdenza Pensioni, Cgil: misure per donne non vanno bene

La proposta del ministro Poletti sulle agevolazioni per le donne che vogliono accedere all'Ape social non va bene. "Per noi il riconoscimento del lavoro delle donne eÌ€ un concetto universalistico e non puoÌ€ essere ridefinito all’interno dello strumento dell’Ape sociale che, invece, eÌ€ riferito ad alcune casistiche particolari. Inoltre riteniamo che oltre al lavoro prestato per la cura dei figli eÌ€ necessario riconoscere anche quello dedicato alla cura di familiari disabili o non autosufficienti", così in una nota il segretario confederale della Cgil, Roberto Ghiselli e il responsabile previdenza pubblica Ezio Cigna.

"Ci siamo impegnati, su questo punto, a elaborare nei prossimi giorni con Cisl e Uil una proposta, che possa essere esaminata nel prossimo incontro", aggiungono i sindacalisti. "Abbiamo inoltre rilevato che non vi sono proposte adeguate a rispondere ad altri punti contenuti nel verbale di sintesi dell’anno scorso in particolare sui temi della flessibilitaÌ€ in uscita e della diversitaÌ€ nelle speranze di vita, e abbiamo ribadito che per noi l’impianto ipotizzato nel verbale di sintesi, rimane la cornice entro cui lavorare. È stato inoltre chiesto al Governo di quantificare le risorse che potranno essere messe a disposizione degli interventi previdenziali ma il ministro ha nuovamente ribadito che solo dopo il 20 settembre (data in cui verraÌ€ presentata la Nota di aggiornamento del Def) e nell’ambito della predisposizione della Proposta di legge di bilancio 2018, saranno in grado di fornirci una risposta", continua la nota.

Abbiamo inoltre richiesto al Governo, continua la nota, anche in vista dell’ormai imminente scadenza degli organismi di vigilanza degli enti previdenziali, un impegno a favorire una rapida approvazione della legge di riforma della governance di questi enti, tenendo conto dei disegni di legge depositati alla Camera dei deputati e delle proposte avanzate dal sindacato sull’argomento. È stato nuovamente richiesto un monitoraggio della situazione dell’ottava salvaguardia e di opzione donna, viste le risorse accantonate e non utilizzate".

Fonte : Rassegna Sindacale

 

511 visite

Articoli correlati