Sabato, 18 maggio 2024 - ore 20.51

Questa è la terza guerra mondiale | P.Pacifici - PNIE

| Scritto da Redazione
Questa è la terza guerra mondiale | P.Pacifici - PNIE

LA PRESIDENTE DEL PARTITO NAZIONALE ITALIANI PAOLA PACIFICI HA DICHIARATO: QUESTA É LA TERZA GUERRA MONDIALE, UNA GUERRA ECONOMICA. I VINTI DI OGGI SARANNO I VINCITORI DI DOMANI.
Ha dichiarato: “Trecentomila italiani in Spagna, per la maggioranza imprenditori, rappresentano una grande forza politica e democratica che fino ad oggi é stata dispersa, inutilizzata.” Una parte consistente di loro non risultano, perché non sono stati ancora censiti nei comuni spagnoli. Ma ci sono e potrebbero votare con risultati sorprendenti alle elezioni municipali. Oltre 13 mila italiani sono iscritti come Lavoratori Autonomi: cioé liberi imprenditori, artigiani e professionisti. A Barcellona e nelle isole Baleari, gli italiani censiti sono oltre 50.000. Nella sola cittá di Alicante oltre 15.000.
A Malaga sono numericamente la prima comunitá europea. Lungo la Costa del Sol gli italiani sono più di 12 mila. Riferendosi alla crisi politica ed economica, Paola Pacifici ha detto: “Questa é la terza guerra mondiale, una guerra economica dove i vinti di oggi saranno i vincitori di domani. Sono oltre 6.000 gli affiliati – in tutta la Spagna - ha detto - ed abbiamo giá un responsabile di sede a Valencia, dove risiedono oltre 30 mila italiani. Il nostro programma é quello di avere un candidato per essere eletto come assessore o consigliere nelle amministrazioni comunali in ogni grande cittá della Spagna”. Noi italiani in Spagna, infatti, possiamo votare ma anche essere eletti alle elezioni municipali spagnole, e vale anche per quelle europee. Elencando i punti principali del suo programma politico, la presidente del Partito Nazionale Italiano di Spagna é stata chiara: “ Lavoreremo per avere il primo sindaco italiano in Spagna. Ma appoggeremo anche i candidati spagnoli che si presenteranno alle elezioni. La nostra politica economica sará di sostegno e di promozione della Marca Italia, le aziende potranno contare su di noi per essere piú conosciute, apprezzate per quello che valgono, per avviare programmi, per attivare nuove iniziative come quella della prima scuola italiana per chef internazionali”. Fra i primi punti c'è la politica di inserimento dei giovani nel mercato del lavoro, assieme all'attivazione di tutti i supporti necessari per lo sviluppo, la difesa e l'integrazione delle aziende italiane e dei professionisti.
“Per quanto riguarda l'Italia - ha concluso Paola Pacifici – aspettiamo cosa succederá alla fine del mandato Monti, vediamo chi saranno nel 2013 i candidati e che partito rappresentano. A questo punto decideremo se appoggiarli o no”. Al termine dell'incontro ha dato appuntamento a Barcellona, dove proseguirá la presentazione del Partito.

Paola Pacifici
Presidente del PNIE
Madrid,9 agosto 2012

Contattaci
Tel. +34 952.469.403
+34 603.764.950
segreteriagenerale@pnie.es

1914 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

TRONDHEIM- È già presente sul web con una pagina facebook appena lanciata e si prepara a presentarsi dal vivo anche ai connazionali: parliamo dell’associazione “Italiani a Trondheim - Itat” nata – si legge sul sito web – per “perseguire le finalità di solidarietà civile, culturale e sociale volte alla promozione dell’integrazione e dell’aggregazione della comunità italiana a Trondheim e in Norvegia”.
AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

Il valore aggiunto dei Gruppi Europei di Cooperazione Territoriale (Gect) nella politica di coesione post 2020 è il tema al centro dei due giorni di lavoro che coinvolgeranno istituzioni europee e partner transfrontalieri partecipanti al progetto Fit4Co Fit for Cooperation e che si svolgeranno a Trieste oggi e domani, 11 e 12 aprile, nel salone di rappresentanza del palazzo della Regione Friuli Venezia Giulia in piazza Unità d'Italia.