Domenica, 17 dicembre 2017 - ore 22.30

Romania.21 anni dalla Rivoluzione del 1989

| Scritto da Redazione
Romania.21 anni dalla Rivoluzione del 1989

Romania.21 anni dalla Rivoluzione del 1989
pubblicato nell' edizione 453 pagina 1 il 2010-12-21
A Timisoara sono iniziate, la scorsa settimana, le manifestazioni commemorative dedicate al compimento di 21 anni dallo scoppio delle manifestazioni di protesta che hanno portato al crollo del comunismo. Il 16 dicembre 1989 la manifestazione spontanea di protesta contro il regime comunista, dinanzi alla casa del pastore Tokes, si è espansa man mano all’intera città. Un giorno dopo, il 17 dicembre, l’esercito avrebbe aperto il fuoco contro i protestanti. Pochi giorni dopo, la rivoluzione sarebbe scoppiata pure a Bucarest concludendosi con l’arresto e l’esecuzione dei Ceausescu. Le manifestazioni della scorsa settimana hanno incluso un programma di colinde ed usanze per Natale, canti e danze popolari interpretati dal Gruppo artistico ‘Doina Timisului’ della Casa di Cultura degli Studenti di Timisoara. Il giorno venerdì, 17 dicembre, è stato dichiarato dalla autorità locale giornata di lutto ed è stata celebrata una messa alla memoria degli eroi martiri, alla Cattedrale Metropolitana di Timisoara, seguita da un pellegrinaggio alle tombe degli eroi e sui luoghi del martirio.
di Sette Giorni

fonte: http://www.sette-giorni.ro/index.php?page=detalii&categorie=romania&id=20101221-1574

1191 visite

Articoli della stessa categoria

Romania domenica alle urne, tra movimenti anti-sistema e corruzione

Romania domenica alle urne, tra movimenti anti-sistema e corruzione

Domenica oltre 18 milioni di romeni saranno chiamati alle urne per eleggere tra oltre 6.500 candidati i 466 parlamentari che siederanno nella Camera e nel Senato per la prossima legislatura. Le elezioni politiche arrivano dopo un anno di governo tecnico, che ha lasciato un segno positivo sul Paese e sull'elettorato, disilluso per i numerosi casi di corruzione ad alto livello e che hanno trovato nell'esecutivo guidato dall'ex commissario Ue all'Agricoltura Dacian Ciolos un evidente esempio di come governare senza mazzette.