Domenica, 19 maggio 2019 - ore 12.40

Sclerosi multipla. Ricerca con le cellule staminali grazie a studi Shinya Yamanaka

Un ambizioso progetto internazionale a guida italiana ha ricevuto un finanziamento di 4 milioni di euro. L'obbiettivo è trovare, entro quattro anni, una cura efficace per la sclerosi multipla.

| Scritto da Redazione
Sclerosi multipla. Ricerca con le cellule staminali grazie a studi Shinya Yamanaka

Direttore di questo progetto è Gianvito Martino, direttore della Divisione di Neuroscienze dell’Ospedale San Raffaele di Milano e docente all’Università Vita-Salute San Raffaele. BRAVEinMS, questo il nome del progetto, coinvolgerà laboratori in Europa, Stati Uniti e Canada.

Al centro del progetto ci saranno le cellule staminali e gli importanti studi del premio nobel Yamanaka.

I ricercatori useranno un modello di analisi dei big data - genetici e clinici - sviluppato da Sergio Baranzini all’Università di San Francisco, che si è dimostrato capace di estrapolare informazioni sulla sclerosi multipla e di tradurle in specifiche caratteristiche che una molecola deve avere per candidarsi a farmaco efficace.

Per studiare i candidati i ricercatori creeranno una specie di "malattia in provetta". Spiega Martino: "perché, appunto nella provetta, avremo neuroni e oligodendrociti che apparterranno al paziente da cui sono state prelevate le cellule della cute - spiega Martino -. Con queste cellule, che abbiamo imparato a generare utilizzando la scoperta di Shinya Yamanaka, Premio Nobel 2012, verificheremo appunto quali, tra le molecole selezionate, funzioneranno meglio in una situazione già più vicina alla malattia che vogliamo curare"

E proprio il luminare giapponese Shinya Yamanaka sarà uno dei relatori di eccellenza del 3° congresso internazionale dedicato alle cellule staminali ed alla ricerca che si terrà a Padova dal 17 al 19 novembre 2016.

2045 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Coldiretti  La Lombardia si mangia 800 mila pizze al giorno

Coldiretti La Lombardia si mangia 800 mila pizze al giorno

È quanto emerge da un’elaborazione della Coldiretti, sulle 14 mila imprese del comparto attive in regione, diffusa in occasione della prima giornata internazionale della pizza dopo che l’Unesco ha proclamato l’arte dei pizzaioli patrimonio immateriale dell’umanità e a 24 ore dal vile attentato con la bomba esplosa davanti all’ingresso della storica pizzeria Sorbillo di via Tribunali, nel cuore di Napoli.