Mercoledì, 15 luglio 2020 - ore 19.31

Serra (Bo).Primarie fidiamoci dei cittadini

| Scritto da Redazione
Serra (Bo).Primarie fidiamoci dei cittadini

Serra (Bo).Primarie fidiamoci dei cittadini
Mentre sto scrivendo queste note mancano 20 giorni alle primarie indette a Bologna dalla coalizione capeggiata dal PD per la candidatura a sindaco ed i media cittadini sono tutti intenti a cercare di precostituire il risultato più favorevole all’aumento della tiratura. E’ ovvio che un titolo “Partecipazione Flop” sarebbe più conveniente di un “Buona” o “Discreta”. Si sa come funzionano al giorno d’oggi quasi tutti quelli che furono definiti  da Hegel “la preghiera del mattino dell’uomo moderno” (altri tempi, altre menti): meglio una cattiva notizia che una buona o neutra, non importa se la titolazione è smentita nel testo dell’articolo, se non c’è notizia la si inventa, per giungere al capolavoro del TG1 che, regolarmente, rilascia commenti, rigorosamente di parte, su notizie che non ha mai dato. E così invece di spiegarci chi sono i tre candidati, cosa pensano, approfondirne i programmi, fornirci episodi delle loro esperienze passate, l’interesse verte solo su chi li appoggia o li contrasta e sulla previsione, che si spera auto avverantesi, della scarsa partecipazione. Ora io credo che lasciare agli elettori la decisione ultima sulle candidature sia sì un sintomo di debolezza interna dei partiti, ma anche un atto di fiducia verso i cittadini che il centrodestra si guarda bene dal compiere, ma ciò viene scarsamente sottolineato. Per questo ogni elettore democratico dovrebbe sentirsi in dovere di partecipare esercitando la funzione che gli viene messa a disposizione scegliendo fra la lunga, e buona, esperienza amministrativa e partecipativa di Merola, la lunga, e buona, esperienza sociale della Frascaroli, ed il sincero slancio innovativo di Zacchiroli. Gli ingredienti del menù non saranno sofisticatissimi, ma paiono genuini, ben variati e a km zero, come si usa nelle famiglie più avvedute. Qualche tempo fa, qualcuno, ipotizzò un “governo dei migliori”, autoiscrivendocisi d’ufficio con un po’ di fretta. Questi “migliori”, se esistono, hanno, però, accuratamente evitato di mettere in mostra le loro capacità nella giostra delle primarie, dimostrando, così, quanto meno, di non essere così sicuri delle proprie qualità. Il trio anzidetto ha avuto questo coraggio, credo che partecipare  numerosi il 23 gennaio sia, oltre che un dovere-piacere civico, anche un atto di cortesia, qualità, d’altronde, assai negletta ultimamente ma che sarebbe bene ritornasse fra le nostre consuetudini.

Paolo Serra  mad9921@iperbole.bologna.it

970 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria