Sabato, 20 agosto 2022 - ore 05.22

Spagna.Sciopero generale contro Riforma Mercato del Lavoro

| Scritto da Redazione
Spagna.Sciopero generale contro Riforma Mercato del Lavoro

Spagna.Dopo il grande successo delle manifestazioni dello scorso 11 marzo CCOO e UGT convocano per il 29 marzo lo sciopero generale contro la Riforma del Lavoro
Di seguito il testo del comunicato delle Comisioni Obreras ( CCOO) e dell' UGT
Grande successo delle manifestazioni dell'11 marzo
CCOO e UGT indicono lo SCIOPERO GENERALE in Spagna per il 29 marzo contro la riforma del lavoro e in difesa dei servizi pubblici
Terza giornata di azione tenutasi domenica 11 marzo, dopo altre due il 19 e 29 febbraio, con manifestazioni in tutto il paese. Essa si pone nel contesto di un processo di mobilitazione contro la riforma del lavoro decretata dal governo del partito popolare, e a difesa dei servizi pubblici, che sono stati seriamente deteriorati dalle politiche di austerità e dai tagli di bilancio imposti dall'Unione europea.
Ci sono state più di 60 manifestazioni, che hanno riunito 1.500.000 persone. Le più imponenti, rispetto al numero dei partecipanti, sono avvenute a Madrid e Barcellona (con 500.000 e 450.000 persone, rispettivamente).
Due giorni prima, il 9 marzo, il consiglio federale delle CCOO e il comitato confederale dell'UGT si sono incontrati per la prima volta nella loro storia, concordando la convocazione di uno SCIOPERO GENERALE di 24 ore contro la riforma del lavoro e in difesa dei servizi pubblici.
La riforma del lavoro, già in essere dopo l'adozione per decreto legge, è in attesa di una convalida parlamentare. Il governo ha completamente ignorato le richieste di CCOO e UGT di avviare un processo di negoziazione sui contenuti e per emendamenti sostanziali durante l'iter parlamentare. Questa riforma del lavoro è il maggior attacco al diritto del lavoro mai vissuto dalla democrazia spagnola, poiché indebolisce significativamente la contrattazione collettiva, consentendo agli imprenditori di modificare unilateralmente salari, orari e altre condizioni di lavoro; dà preferenza ad accordi a livello aziendale e promuove l'individualizzazione delle relazioni industriali; i licenziamenti diventano più facili ed economici; stabilisce nuovi modelli di contratti precari.
I tagli di bilancio derivanti dagli obblighi dell'UE, il cui unico obiettivo è la rapida riduzione dei deficit pubblici, non hanno risolto la crisi dei debiti pubblici, ma hanno portato ad una nuova recessione. Nello stesso tempo gli stessi tagli – che hanno già impatto sull'istruzione, sui servizi alla salute e sui servizi sociali – aumenteranno con la nuova legge di bilancio del 30 marzo. Oggi, ampi settori della popolazione chiedono la difesa dei servizi pubblici.

Info CCOO
Madrid, 12 marzo 2012

2020 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria