Domenica, 17 dicembre 2017 - ore 22.37

UE, maximulta a sei aziende orientali

| Scritto da Redazione
UE, maximulta a sei aziende orientali

UE, maximulta a sei aziende orientali per un cartello sui prezzi degli schermi LCD
La scorsa settimana il Commissario Europeo per la Concorrenza, Joaquin Almunia, ha annunciato una maximulta a sei aziende tecnologiche asiatiche. Il provvedimento riguarda le coreane Samsung e Lg, oltre a quattro società taiwanesi: AU Optronics, Chimei Innolux, Chunghwa Picture Tubes e HannStar Display, punite per aver costituito un “cartello” per il controllo dei prezzi sugli schermi LCD. La sanzione è per complessivi 649 milioni, ma Samsung, che ha collaborato, non pagherà un euro. Tra di loro, alcune aziende hanno la loro base produttiva europea in Slovacchia: la Samsung, maggior produttore al mondo di schermi piatti, a Galanta (regione di Trnava) e la AU Optronics, produttore numero 3 di display LCD al mondo, a Trencin (regione omonima). Inoltre, la Chimei Innolux, maggiore produttore planetario su commissione di apparecchi elettronici, che appartiene allo stesso gruppo (Hon Hai) della Foxconn, la società che ha acquistato l’impianto produttivo di Sony a Nitra, è stata citata come in arrivo prossimamente in Slovacchia con un grosso investimento produttivo, sempre nel campo degli LCD.
L’intesa illegale tra i sei produttori di schermi piatti a cristalli liquidi per televisori e computer puntava ad alterare la concorrenza. Samsung, pur essendo la prima nella lista delle infrazioni, non pagherà un euro perché è stata la prima a fornire informazioni e a collaborare con le autorità europee, godendo quindi dei benefici previsti dalla Comunicazione sulla cooperazione della Commissione Europea del 2002.
LG, che ha solo parzialmente collaborato, ha avuto una esenzione del 50% e dovrà comunque pagare 215 milioni di euro. AU Optonics (20% di sconto) dovrà versare 116,8 milioni. Chimei, alla quale non è stata riconosciuta alcuna riduzione, dovrà pagare 300 milioni di euro. Chunhwa pagherà 9,025 milioni di euro (con il 5% di sconto), HannStar 8,100 milioni.
«Le aziende straniere, come quelle europee, devono capire che se vogliono fare affari in Europa devono giocare pulito», ha detto Joaquim Almunia. «Le aziende colpite oggi erano consapevoli di infrangere le regole della concorrenza, ma andavano avanti nel pianificare la loro condotta illegale. L’unica comprensione che abbiamo mostrato è stata per quelli che si sono fatti avanti per denunciare il cartello e fornire le prove della sua esistenza», riferendosi in particolare alla Samsung, grazie alle cui ammissioni l’UE ha scoperto che per oltre quattro anni i dirigenti delle sei compagnie si sono incontrati per una sessantina di volte, per lo più in alberghi di Taiwan, per mettersi d’accordo sui prezzi, compresi il loro ‘range’ e i minimali, ma non solo: in quelli che chiamavano ‘Crystal meetings’ si scambiavano anche i piani di produzione futura, informazioni sull’utilizzo della capacità produttiva, sulle prezzature e sulle politiche commerciali.
La procedura che ha portato alla megamulta di oggi è stata avviata nel maggio 2009. “Il fatto che si incontrassero fuori dell’Unione europea – ha aggiunto Almunia – non è una scusa”. Il commissario ha ricordato che quella di oggi è la settima decisione del 2010 contro i ‘cartelli’ e che le multe inflitte quest’anno sono state di poco superiori a complessivi 3 miliardi di euro. Nel maggio scorso la stessa Samsung si è vista infliggere 145,728 milioni di euro di sanzione per aver fatto cartello sulle D-Ram con Micron, Hynix, Infineon, NEC, Hitachi, Mitsubishi, Toshiba, Elpida e Nanya.

fonte: http://www.buongiornoslovacchia.sk/index.php/archives/10059

1058 visite

Articoli della stessa categoria

Aise Dall’ Unione Europeo 100 milioni di euro a sostegno dell’istruzione per tutti

Aise Dall’ Unione Europeo 100 milioni di euro a sostegno dell’istruzione per tutti

Il Commissario europeo per la Cooperazione internazionale e lo sviluppo, Neven Mimica, ha annunciato oggi che l’UE darà un ulteriore contributo di 100 milioni di euro al Partenariato globale per l’istruzione, che va ad aggiungersi ai 375 milioni già stanziati nel 2014. Questo sostegno contribuirà a garantire un’istruzione di qualità, inclusiva ed equa, e a promuovere opportunità di apprendimento permanente per tutti.
UNGHERIA nuova legge sulle Ong; Amnesty: Assalto crudele e calcolato alla società civile

UNGHERIA nuova legge sulle Ong; Amnesty: Assalto crudele e calcolato alla società civile

Amnesty International ha dichiarato che la “Legge sulla trasparenza delle organizzazioni finanziate dall’estero”, approvata oggi dal parlamento dell’Ungheria con 130 voti a favore, 44 voti contrari e 24 astensioni, costituisce l’ultimo atto della crescente repressione delle voci critiche nel paese e condizionerà pesantemente l’importante azione dei gruppi della società civile ungherese.