Domenica, 17 ottobre 2021 - ore 08.39

15ENNE UCCIDE A COLTELLATE LA MADRE

A Treviglio

| Scritto da Redazione
15ENNE UCCIDE A COLTELLATE LA MADRE 15ENNE UCCIDE A COLTELLATE LA MADRE

#TREVIGLIO

15ENNE UCCIDE A COLTELLATE LA MAMMA 

Una ragazza di 15 anni ha ucciso la madre con una coltellata durante una lite avvenuta in casa. E' accaduto nella tarda serata di sabato, in un monolocale in centro a Treviglio (Bergamo). La donna, 43 anni, è morta poco dopo essere stata colpita alla schiena con un coltello da cucina. La ragazza è stata trovata in casa dai carabinieri. Un fendente solo, che però è risultato letale.

E' stata la stessa 15enne (studentessa in un istituto di istruzione superiore a Treviglio), in preda al panico e alla disperazione, a chiamare il 118. "Ho bisogno di aiuto, ho fatto del male alla mamma" - avrebbe continuato a ripetere al telefono. Ma a nulla sono valsi i tentativi di rianimazione di un'equipe medica giunta sul posto in pochi minuti. I militari hanno sentito a lungo la ragazzina, assistita come previsto in questi casi da uno specialista, per ricostruire quanto avvenuto. Avrebbe già fatto qualche spontanea dichiarazione.



All'origine del delitto una lite, per l'assemblaggio di un elettrodomestico, che sarebbe degenerata. In casa c'erano solo madre e figlia al momento della lite. E, stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, non era la prima volta che tra loro scaturivano accese discussioni e litigi.



L'abitazione, un monolocale a corte, si trova in pieno centro e sul posto nella notte è giunto anche il sindaco Juri Imeri e la vicesindaca e assessore ai servizi sociali Pinuccia Prandina. Terminati i rilievi dei carabinieri del reparto scientifico di Bergamo, la salma della donna è stata trasferita all'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dove nelle prossime ore sarà sottoposta all'autopsia.

Un vicino di casa e la proprietaria di un bar che conoscevano le due donne, le descrivono come due persone solari, simpatiche e gentili. Nulla faceva presagire un epilogo così tragico.

Sul posto sono accorsi nella mattinata di domenica 15 agosto anche il sindaco Juri Imeri e la vicesindaca e assessore ai servizi sociali, Pinuccia Prandina.

«Una notizia che colpisce profondamente tutta la comunità». Ha detto il primo cittadino giunto fuori dall’edificio di via Butinone. «Non ci sono commenti da fare in questo momento, ma solo stare in un rispettoso silenzio».

#zonacheck

1629 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria