Mercoledì, 19 settembre 2018 - ore 10.43

A Cremona la MOSTRA SU JOSEF NUSSER L’UOMO CHE DISSE NO A HITELR

Verrà portata a CREMONA, DAL 7 FEBBRAIO 2018 AL 25 FEBBRAIO 2018, una mostra di 10 rollups, sulla figura del martire beato Josef Mayr-Nusser, laico, sposato, che si rifiutò di giurare ad Hitler, opponendosi al regime nazista e per questo subì la morte. AVVISO Il 23 Febbraio 2018 PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI FRANCESCO COMINA “L’UOMO CHE DISSE NO A HITLER”

| Scritto da Redazione
A Cremona  la MOSTRA SU JOSEF NUSSER L’UOMO CHE DISSE NO A HITELR

A Cremona  la MOSTRA SU JOSEF NUSSER L’UOMO CHE DISSE NO A HITELR

Verrà portata a CREMONA, DAL 7 FEBBRAIO 2018 AL 25 FEBBRAIO 2018, una mostra di 10 rollups, sulla figura del martire beato Josef Mayr-Nusser, laico, sposato, che si rifiutò di giurare ad Hitler, opponendosi al regime nazista e per questo subì la morte. AVVISO  Il 23 Febbraio 2018 PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI FRANCESCO COMINA “L’UOMO CHE DISSE NO A HITLER”

------------------                                                                                                                           

“Giuro a te, Adolf Hitler, Führer e Cancelliere del Reich, fedeltà e coraggio. Prometto solennemente a te e ai superiori designati da te l’obbedienza fino alla morte. Che Dio mi assista”. Konitz, 4 ottobre 1944, vigilia del giuramento. Con l’aiuto di Dio, del Dio che per amore si è fatto uomo, nascendo in una stalla, da genitori ebrei, alla periferia della storia… Facendo appello a questo Dio Josef dovrebbe ora giurare a Hitler “fedeltà e coraggio”?

Josef Mayr-Nusser si alza, interrompe la lezione del sottufficiale e chiede il permesso di parlare. No, quel giuramento lui non può e non vuole pronunciarlo.

Per essersi rifiutato di giurare fedeltà a Hitler, Josef Mayr-Nusser viene imprigionato, interrogato, condotto verso il lager. Sfinito per le condizioni ambientali insopportabili, muore sulle tavole lerce di un carro bestiame, fermo alla stazione di Erlangen. È il 24 febbraio 1945.

Quel vagone lo avrebbe portato a finire i suoi giorni nel lager di Dachau. Lui, uomo coerente, fu capace davvero di “obbedienza fino alla morte”. Non a Hitler, ma alla propria coscienza di uomo e di cristiano. Quel “no” fu pronunciato per gli altri, perché le cose potessero cambiare.

Un “no” che è un “sì” alla verità e alla vita. Un libero, consapevole atto di fedeltà e di coraggio.

Queste le parole di uno dei rollups della mostra.

Essa ha come titolo CORAGGIOSO – CRISTIANO- SOLIDALE E si articola in questi contenuti:

ESSERE BEATI – 4 OTTOBRE 1944- CORAGGIO CIVILE – FAMIGLIA- COMUNITA’ –EDUCARE AL BENE- SERVIRE- STORIA E STORIE- TRA DUE DITTATORI- NAZIONALISMI E RAZZISMI. Si può anche consultare sul sito www.josef-mayr-nusser.it.

E’ stata preparata dalla Diocesi di Bolzano e è già stata portata in diverse comunità, ultima la Diocesi di Bologna che l’ha ospitata nel mese di novembre con la presenza dell’Arcivescovo Mazzeo Zuppi.

La figura particolare e coraggiosa di Nusser, verrà poi presentata dal giornalista FRANCESCO COMINA che presenterà il 23 febbraio 2018, il suo libro L’UOMO CHE DISSE NO A HITLER. JOSEF MAYR-NUSSER, UN EROE SOLITARIO.

Crediamo sia una opportunità per riaffermare i valori della testimonianza cristiana e umana di fedeltà al Vangelo, di rifiuto di tutto quanto offende la dignità umana, di profezia dinnanzi a poteri idolatrici, il coraggio anche oggi di opporci a chiusure, muri, nazionalismi, tutto quanto blocca una pacifica convivenza tra i popoli nella ricerca della giustizia e della fraternità.

Quasi ogni giorno Papa Francesco ricorda TUTTO QUESTO ai cristiani ma anche a tutte le persone interessate al bene comune e al rispetto dei diritti umani, forse mai così subdolamente calpestati e ignorati in questo nostro tempo di globalizzazione e sviluppo tecnologico

 

Organizzano: Acli Turismo, Pax Christi,  Caritas cremonese, Azione Cattolica, San Vincenzo,  parrocchia San Bernardo                                                                                                                     

868 visite

Articoli correlati