Domenica, 25 agosto 2019 - ore 00.09

A Pizzighettone Sabato 25 agosto spettacolo storico 1547: congiura contro il figlio del papa

Sabato 25 agosto a Pizzighettone uno spettacolo dello storico Davide Tansini racconta il complotto contro il duca di Piacenza e Parma Pier Luigi Farnese

| Scritto da Redazione
A Pizzighettone Sabato 25 agosto spettacolo storico 1547: congiura contro il figlio del papa

A Pizzighettone Sabato 25 agosto spettacolo storico 1547: congiura contro il figlio del papa

Sabato 25 agosto a Pizzighettone uno spettacolo dello storico Davide Tansini racconta il complotto contro il duca di Piacenza e Parma Pier Luigi Farnese

Piacenza 1547: come ammazzare un duca è il titolo dello spettacolo in programma nelle mura di Pizzighettone la sera di sabato 25 agosto (ore 21:30), dedicato a un episodio accaduto nel settembre 1547.

Cuore dell’evento è la congiura che portò all’omicidio del duca Pier Luigi Farnese (1503-1547), figlio del papa Paolo III (Alessandro Farnese, 1468-1549).

Organizzato dal Gruppo Volontari Mura di Pizzighettone, lo spettacolo è condotto da Davide Tansini, che basa il proprio racconto sulle ricerche che ha effettuato sugli antichi ducati di Milano e di Parma e Piacenza.

È un episodio ambientato durante le guerre e le contese politiche che nella prima metà del XVI secolo videro scontrarsi i regni di Spagna (degli Asburgo) e di Francia (dei Valois-Angoulême) per il predominio sulla Penisola.

La formula scelta per lo spettacolo è quella della narrazione storica lungo un percorso a tappe nelle mura rivierasche, illuminate con torce e fiaccole.

Con stile vivace, ironico e colloquiale, Tansini narra le vicende che portarono all’elezione a papa del cardinale Alessandro Farnese, che una volta a capo della Chiesa romana favorì il proprio casato affidando al figlio primogenito Pier Luigi le città di Piacenza e Parma.

Intelligente e acuto, ma anche violento, prepotente, irascibile, vizioso e, soprattutto, fermamente deciso a difendere gli interessi di famiglia, il nuovo duca entrò in urto con gran parte dei nobili emiliani, che ordirono un complotto per eliminarlo, con la complicità dei Gonzaga e l’indiretto assenso degli Asburgo.

La trappola scattò il 10 settembre 1547 nella Cittadella di Piacenza: i congiurati delle famiglie Pallavicino, Landi, Anguissola e Confalonieri penetrarono nelle sale del duca, lo uccisero a pugnalate e ne gettarono il cadavere nel fossato della fortezza.

La congiura ebbe notevoli ripercussioni in campo politico, che si trascinarono negli anni successivi. Fra l’altro, le sue conseguenze furono significative per la storia degli stati di Milano e di Parma, e per la costituzione geografica dell’odierna Lombardia.

Ma lo spettacolo non racconta solo biografie e cronistorie. Tansini tratteggia lo scenario degli eventi: cucina, cultura, curiosità, tradizioni della Val Padana rinascimentale.

Partenza: Ufficio Informazioni di Piazza d’Armi

Biglietto: 5 € (prenotazione non richiesta)

Svolgimento anche in caso di maltempo (percorso in parte entro ambienti coperti)

Info: telefono 349 2203693, facebook piacenza1547, web www.tansini.it/it/piacenza-1547-come-ammazzare-un-duca.html

2054 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online