Sabato, 08 agosto 2020 - ore 08.47

Bologna.Facciamo due conti sul Marconi Express

| Scritto da Redazione
Bologna.Facciamo due conti sul Marconi Express

Facciamo due conti sul People Mover e sulla Marconi Express spa (ME) chebdovrà costruirlo e gestirlo.
Il preventivo finanziario complessivo ammontava inizialmente a 92 milionibma, causa ritardi nella costruzione della stazione sotterranea dell'A/V di
Bologna,  il concessionario, Consorzio Coop Costruzioni (CCC), ha chiestobuna revisione a circa 105. L'importo dovrebbe essere coperto per 27 milionib(iva compresa) dalla Regione utilizzando fondi europei Fas (Fondi Aree
Sottoutilizzate, che potrebbero trovare un utilizzo molto migliore), per 2,7b(iva esclusa) dalla SAB, per 15,3 da liquidità CCC e per 65 da un mutuobbancario a 19 anni. (Il totale non combacia perfettamente ma questi sono ibdati forniti in Commissione Comunale e/o reperibili sulla stampa).

Il conto economico  è presto fatto:
-Le banche forniranno un mutuo di 65 milioni da restituire in 19
anni. Al 4% di tasso lordo abbiamo un rata annuale di circa 4,9 milioni (3,4
cap + 1,5 int) da pagare da parte di ME.

-Per la manutenzione annuale ordinaria e triennale straordinaria
teniamoci ad una media, molto bassa, del 3% del valore dell'opera pari a 3,1
milioni l'anno (sarebbe normale un tasso superiore al 5% in questo caso
avremmo una spesa di oltre 5 milioni l'anno).

-Per l'esercizio (personale, consumi e spese generali) teniamoci
sui 2 milioni (il vecchio progetto SAB-Tecnicoop, a fune di 2,7 km,
prevedeva  2,5 miliardi di lire del 2000). Teniamo conto che solo di
elettricità sono previsti circa 4 milioni di kwh l'anno di cui il 13%
recuperati dal solare. A 12 centesimi il kwh sono 400 mila euro.

Nella migliore delle ipotesi, perciò, ma parecchi tecnici del settore mi
direbbero che sono stato troppo buono, dalla ME dovranno uscire almeno 10/12
milioni di euro ogni anno per 19 anni. Pari a 1,4/1,7 milioni di passeggeri
a tariffa piena di 7 euro (nel 2010 pare che i passeggeri del bus Blq siano
stati 840mila, di cui 770mila a 6 euro). Per coprire le spese ne mancano
altrettanti, senza contare gli ammortamenti, almeno il 2% del capitale,
altri 2 milioni l'anno.  Ecco la ragione per cui difficilmente qualche
privato sarà mai disposto ad entrare nella società ed il CCC cerca di
passare la castagna ad ATC nel più breve tempo possibile. Inoltre la CCC
vuole anche rientrare subito dei 15,3 milioni di liquidità che ha messo, o
dovrà mettere ad inizio lavori, nella ME; sfugge ai più dove l'ATC potrebbe
reperirli. Proprio certi che non sia meglio accontentarsi del SFM ?

Paolo Serra     www.tizianagentili.it

1488 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

OSSARIO di CUSTOZA: DAL 21 APRILE 2018 APERTURA NUOVI SPAZI ESPOSITIVI E MULTIMEDIALI

OSSARIO di CUSTOZA: DAL 21 APRILE 2018 APERTURA NUOVI SPAZI ESPOSITIVI E MULTIMEDIALI

Prosegue il progetto permanente di valorizzazione del Sacrario Da anni l’Amministrazione Comunale di Sommacampagna si prodiga per il permanente e sempre maggiore sviluppo del compendio monumentale dell’Ossario di Custoza, il Sacrario che sulle nostre colline moreniche custodisce i resti, le memorie e la storia dei caduti delle 1^ e 3^ Guerre di Indipendenza del Risorgimento Italiano.
Mantova Fino al 19 aprile Terra del bello, arte del buono, rassegna gastronomica

Mantova Fino al 19 aprile Terra del bello, arte del buono, rassegna gastronomica

Buvoli e Boselli in Sala BonaffiniLa Strada dei Vini e dei Sapori Mantovani, con il supporto del Comune di Mantova propone “Terra del bello, arte del buono - Itinerari del gusto”, una rassegna gastronomica con menu a prezzo fisso fino al 19 aprile dal lunedì al giovedì (festivi esclusi) permetterà di gustare il meglio degli ingredienti della tradizione locale e valorizzare i ristoranti e i produttori che hanno deciso di aderire a questa particolare iniziativa.
Quattro buone notizie in arrivo per i Ponti sul Po tra Parma e Cremona.

Quattro buone notizie in arrivo per i Ponti sul Po tra Parma e Cremona.

Stipulato un protocollo tra Parma e Cremona, anticipando i tempi previsti dal Decreto. L’ing. Scaroni ha consegnato il progetto esecutivo per il Ponte Colorno – Casalmaggiore. Il 6 marzo alle 18, presso il Comune di Colorno verrà presentato il progetto e verranno fornite indicazioni sulla tempistica. A fine marzo la consegna del progetto per la ristrutturazione del Ponte tra Roccabianca e San Daniele Po.