Sabato, 31 ottobre 2020 - ore 21.08

Brescia - Giornata della Memoria

Sabato 16 gennaio uno spettacolo teatrale e un incontro a tema

| Scritto da Redazione
Brescia - Giornata della Memoria Brescia - Giornata della Memoria

In occasione della Giornata della Memoria, che viene celebrata il 27 gennaio, l’assessorato alla Scuola ha organizzato, come ogni anno, una rassegna teatrale e alcuni incontri culturali per favorire la consapevolezza e la sensibilità degli studenti e delle loro famiglie riguardo al significato della Shoah.

Sabato 16 gennaio alle 10, al teatro Sant’Afra in vicolo dell’Ortaglia 6, si terrà l’ultima replica per gli studenti dello spettacolo teatrale “Il magnifico impostore – Giorgio Perlasca”.

Alle 15.30, invece, nella chiesetta di San Paterio, all’interno del museo della Mille Miglia, in viale della Bornata 123, è in programma un incontro con la Fondazione Perlasca.

Le proposte teatrali e gli incontri di approfondimento, promossi in collaborazione con Casa della Memoria, costituiscono testimonianze importanti di quel tragico evento storico. Le storie di persone realmente esistite, narrate e interpretate da attori di teatro, possono diventare i ponti della memoria per le giovani generazioni, affinché la Shoah non venga dimenticata. Il Giorno della Memoria rappresenta, per tutta la comunità scolastica bresciana, un’opportunità di incontro e una significativa esperienza educativa.

 

Fonte comune di Brescia

 

1000 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

  Mostra LEA STEIN – ''Tutto cominciò da un bottone…''

Mostra LEA STEIN – ''Tutto cominciò da un bottone…''

Fino al 16 febbraio 2020 Ancora pochi giorni utili e cala il sipario sulla straordinaria mostra che il Museo del Bijou di Casalmaggiore ha dedicato all’artista francese Lea Stein. Domenica 2 febbraio l’ingresso al Museo del Bijou e alla mostra sarà gratuito (#domenicalmuseo) mentre nella giornata di lunedì 17 febbraio (dalle 11 alle 17) sarà possibile acquistare i bijoux firmati Lea Stein dell’antiquaria milanese Lorena Taddei, che ha curato l’esposizione