Giovedì, 21 novembre 2019 - ore 17.59

Buona Pasqua a ricordo di Franz Joseph Müller testimone della Rosa Bianca tedesca.

I migliori auguri perché la Pasqua possa essere fonte per ciascuno e ciascuna di rinnovata speranza e alimenti la nostra disponibilità a costruire orizzonti di pace

| Scritto da Redazione
Buona Pasqua a ricordo di Franz Joseph Müller testimone della Rosa Bianca tedesca. Buona Pasqua a ricordo di Franz Joseph Müller testimone della Rosa Bianca tedesca.


Il 31 marzo è scomparso all’età di 90 anni Franz Joseph Müller. Testimone della Rosa Bianca tedesca, amico di Hans e Sophie Scholl, a Ulm aveva collaborato a diffondere il quinto volantino della Weisse Rose e per questo era stato arrestato, processato e condannato a cinque anni di carcere.

Per la prima volta a Brentonico nel 1993 insieme a amiche e amici della Rosa Bianca abbiamo ascoltato la sua testimonianza. Con lui Marie Luise Jahn, arrestata e condannata a 12 anni di prigione per aver collaborato con Hans Conrad Leipelt a diffondere i volantini e  per aver aiutato la vedova del prof. Kurt Huber.

A Milano nel giugno 2011 ha preso parte alla cerimonia di dedica a Sophie Scholl di un albero nella Foresta dei Giusti. In quell’occasione altre memorie ci avevano riportato a avvenimenti tragici del XX secolo: dal Genocidio Armeno a quello del Rwanda, dal dramma della Shoah alla violenza dei Gulag. Sono drammi che purtroppo non sono confinati nel passato.

In questi giorni assistiamo in Kenya, in Siria, e in tanti altri luoghi del mondo il perpetuarsi di efferate violenze.

Nell’ultimo incontro a Monaco nel 2012, in occasione di un campo mobile della Rosa Bianca, abbiamo incontrato nuovamente F. J. Müller che ci ha offerto un racconto appassionato degli ultimi mesi di attività della Weisse Rose. Ci ha ricordato come all’organizzazione appartenessero credenti e diversamente credenti accomunati dalla disponibilità a ricercare insieme i modi per abbattere il regime nazista e per sollecitare le coscienze a reagire, a partire dagli studenti che – a loro avviso – potevano essere più sensibili alla riflessione e al cambiamento.

Commemorando i giovani della Weisse Rose, Romano Guardini ponendosi dinanzi ai fatti drammatici e agli episodi cruenti della guerra si chiedeva: “Come possiamo venire a capo dell’accaduto, affinché non si propaghi ulteriormente come un veleno interno, né divenga modello per il futuro?”.

La risposta di Franz Joseph, insieme ad Inge Scholl, Anneliese Graf, Marie-Luise Jahn e molti altri ancora è stata attraverso il loro impegno a far conoscere l’esperienza della Rosa Bianca tedesca e ha consentito che questa testimonianza giungesse fino a noi.

Raccogliamo quindi questo impegno per la memoria e per rilanciare le parole della “giovane resistenza”.

Tra qualche giorno ci sarà un altro anniversario. Per Dietrich Bonhoeffer il 9 aprile 1945 è stata eseguita la sentenza di morte a Flossenbürg, a poco meno di un mese alla fine della guerra per la Germania, dopo 2 anni di prigionia. Attraverso le sue parole, ritroviamo una riflessione pasquale.

Fabio Caneri

------------------------------

«Ove invece si riconosce

che la potenza della morte è infranta,

ove il miracolo della risurrezione e della vita nuova

splende in mezzo al mondo di morte,

lì non si pretendono dalla vita cose eterne,

lì si prende dalla vita quanto essa dà,

non il tutto o il nulla,

bensì il bene e il male,

le cose importanti e quelle meno,

la gioia e il dolore,

lì non ci si aggrappa convulsamente alla vita

ma neppure la si getta via spensieratamente,

lì ci si contenta di una misura finita di tempo limitato

e non si attribuisce un valore eterno a realtà terrene,

lì si lascia alla morte il limitato diritto

che ancora possiede.

E si attende l’uomo nuovo e il mondo nuovo

solo al di là della morte,

dalla potenza

che l’ha vinta.

Il Cristo risorto

porta la nuova umanità in sé,

l’ultimo glorioso sì di Dio

all’uomo nuovo.»

(Dietrich Bonhoeffer, 1940)

----------------------

Video Caricato il 07 giu 2011

Intervista a Franz Josef Müller in occasione dell'albero piantato al Giardino dei Giusti di Milano per Sophie Scholl

 

 

2185 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

AccaddeOggi  28 marzo 1968 Dubček La prima scintilla della Primavera di Praga

AccaddeOggi 28 marzo 1968 Dubček La prima scintilla della Primavera di Praga

Dopo la nomina di Dubček il 5 gennaio a primo segretario del Partito comunista cecoslovacco, il 28 marzo il Comitato centrale approvò l’avvicendamento di Ludvík Svoboda a presidente della repubblica, con l’estromissione di Novotný, e il “programma d’azione” che apriva a riforme rivoluzionarie, impensabili fino a poco prima, quali la libertà di riunione e associazione, e la libertà di stampa e movimento.
Slovacchia La foto simbolo del ’68 slovacco su un francobollo e una moneta commemorativa

Slovacchia La foto simbolo del ’68 slovacco su un francobollo e una moneta commemorativa

La fotografia slovacca più famosa nel mondo, “Uomo a torso nudo davanti a carro armato degli occupanti” di Ladislav Bielik, una immagine che ha fatto il giro del pianeta nei giorni caldi dell’agosto 1968, sarà ripreso in un francobollo postale che sarà prodotto in 80.000 pezzi dalle Poste Slovacche per il 50° anniversario dell’invasione della Cecoslovacchia, il prossimo anno.