Sabato, 13 agosto 2022 - ore 04.48

Consiglio d’Europa critica Slovacchia per il trattamento dei rom nelle scuole

Necessari obiettivi molto più ambiziosi per sradicare l’esclusione sociale e l’emarginazione dei rom e le persone con disabilità

| Scritto da Redazione
Consiglio d’Europa critica Slovacchia per il trattamento dei rom nelle scuole

Il Consiglio d’Europa ha criticato il trattamento dei bambini rom nelle scuole della Slovacchia. Il commissario per i diritti umani del Consiglio, Nils Muiznieks, accusa il paese di pratiche di segregazione in aula e incolpa le politiche educative slovacche degli alti tassi di abbandono scolastico.

Bratislava è anche stata invitata a impostare obiettivi “molto più ambiziosi per sradicare l’esclusione sociale e l’emarginazione dei rom e le persone con disabilità”. Queste raccomandazioni sono arrivate dopo una visita di cinque giorni di Muiznieks che ha esaminato dal vivo le condizioni di vita della popolazione rom nel paese, per le quali ha espresso preoccupazioni, nonostante il 19 giugno aveva detto che la Slovacchia aveva preso misure per migliorare la protezione dei diritti delle minoranze. Nils Muiznieks ha anche fatto critiche sulle segnalazioni di abusi della polizia slovacca nei rapporti con la comunità rom.

Tenere i bimbi rom separati dagli altri è un modo di privare sia gli uni che gli altri della possibilità di interagire tra di loro, e “rafforzano i radicati atteggiamenti antizingari”. Di recente un rapporto dell’UE sull’integrazione dei rom ha mostrato che la Slovacchia ha in programma di investire 450 milioni di euro fino al 2020 per migliorare l’educazione della prima infanzia, dare alloggio e fare attività di sensibilizzazione nelle comunità rom emarginate.

Fonte: Buongiorno Slovacchia

 

796 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria