Venerdì, 19 agosto 2022 - ore 04.58

(CR) Pianeta Migranti. Italia 1.173 minori stranieri scomparsi in 4 mesi

Un’emergenza trascurata. In Italia ogni giorno ne spariscono circa dieci. Ogni 2 ore e 45 minuti un ragazzino straniero non accompagnato sparisce nel nulla.

| Scritto da Redazione
(CR)  Pianeta Migranti.  Italia 1.173 minori stranieri scomparsi in 4 mesi

(CR)  Pianeta Migranti. In Italia 1.173 minori stranieri non accompagnati scomparsi in 4 mesi

Un’emergenza trascurata. In Italia ogni giorno ne spariscono circa dieci. Ogni 2 ore e 45 minuti un ragazzino straniero non accompagnato sparisce nel nulla.

Le sparizioni dei minori stranieri non accompagnati (MSNA) nel nostro Paese stanno raggiungendo stime drammatiche e seriamente preoccupanti: da gennaio ad aprile 2022 sono spariti 1.173 minorenni. Sono numeri molto alti e in netto aumento rispetto ai 308 del 2020.

Praticamente i MNSA che arrivano in Italia si possono sommariamente dividere in tre gruppi.

Il primo è quello che mantiene contatti con la famiglia rimasta in Patria. Quest’ultima fa pressione costante per ricevere le rimesse dal minore, così lo spinge a cercare “guadagno” facile e spesso illegale.

Il secondo include i minori totalmente soli, senza alcun riferimento parentale, psichicamente  sconvolti dopo un viaggio estenuante. Rischiano di farsi irretire da sistemi illegali che garantiscono illusorie tutele.

Il terzo è inserito all’interno del circuito di accoglienza e integrazione statale, in teoria in un ambiente protettivo volto all’inserimento socio – economico. Un sistema presente in Italia non del tutto adeguato, come dimostrano i drammatici ed inquietanti dati degli allontanamenti dei MSNA. A questo, si affianca la possibilità del ricongiungimento familiare, un iter burocratico così lungo che spesso porta il minore a utilizzare altre “opzioni”, offerte dalla criminalità organizzata.

Le mafie internazionali hanno costruito una rete che parte dalle frontiere africane per arrivare a quelle europee: una piovra che promette ai ragazzini soldi facili. Sono tanti infatti, i minori stranieri non accompagnati che come pedaggio per raggiungere rapidamente un proprio parente in Europa entrano nel traffico di organi: per esempio, danno un rene per raggiungere uno zio in Inghilterra.

Il primo mercato che li accoglie è il business del traffico degli organi che frutta come quello della droga: anche fino a 1,7 miliardi di dollari all’anno (secondo i dati del think tank Global Financial Integrity). Un business che consente più di 12.000 trapianti illegali all’anno. Si arrivano a pagare 15.000 dollari per un rene, molti di più per un polmone, per il cuore, per il fegato, per il pancreas.

Dare un organo significa pagare il pedaggio per il viaggio. Possono anche essere ammazzati dai trafficanti, che espiantano gli organi e li portano al confine egiziano in borse termiche. Qui i “medici del Sahara”, egiziani, fanno le operazioni in ospedali da campo lontani dai centri abitativi: inchieste della BBC hanno accertato come l’Egitto sia diventato il supermercato del traffico di organi. Questi ospedali secondo il reportage di Panorama sono totalmente illegali e sarebbero costruiti anche coi fondi europei destinati ad esternalizzare le frontiere. In Egitto un migrante irregolare, anche minorenne, rischia seriamente il carcere duro o di essere sottoposto a lavori forzati, oppure di finire assassinato per il business della vendita degli organi.

Il secondo business è quello dello spaccio della droga. La mafia trova nei MSNA una facile manodopera. Lo testimoniano i reati dei minorenni in carico ai Servizi Sociali, reati riconducibili ad un sistema di criminalità organizzata ben radicata in Italia.

Il terzo è lo sfruttamento lavorativo e sessuale: il minorenne abbandona il percorso scolastico e

diserta la scuola per andare a lavorare in settori dove vige l’ iper-sfruttamento e il caporalato.

Altro dato preoccupante è l’aumento degli  arrivi. Dal 1 gennaio 2022 al 30 aprile 2022, il 27,9% dei MSNA  presenti in Italia, (3.906) è di nazionalità ucraina. Sono arrivati tanti bambini soli, senza nessuno, che facilmente possono diventare prede delle criminalità.

I media e le istituzioni non possono non accorgersi di questa emergenza.

 

 

 

 

3981 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online