Lunedì, 19 novembre 2018 - ore 04.49

Cremona: contratto di Fiume, inizia la seconda fase di attuazione

Incontro sulla motonave "Mattei" coordinato dall'Assessore Virgilio.

| Scritto da Redazione
Cremona: contratto di Fiume, inizia la seconda fase di attuazione

Incontro dei componenti del Comitato Tecnico Istituzionale dell'Accordo Verso il Contratto di Fiume della media Valle del Po in una sede particolare, la motonave “Mattei”, che ha trasportato i partecipanti dal Porto fluviale di Cremona fino a Pizzighettone. Durante la navigazione si è svolto un utile confronto per verificare quanto è stato fatto sino ad ora, ma soprattutto per condividere le azioni da intraprendere per concretizzare gli obiettivi previsti dal Contratto di Fiume. Il percorso sancito dall’Accordo territoriale Verso il Contratto di Fiume, uno strumento flessibile che, nel tempo, può essere modificato in base alle future esigenze, entra così nella seconda fase di attuazione.

L’Assessore al Territorio del Comune di Cremona Andrea Virgilio ha fatto gli onori di casa conducendo i lavori della tavola rotonda alla quale hanno partecipato l’Assessore Paolo Mancioppi del Comune di Piacenza, Alessio Picarelli dell'Autorità di bacino distrettuale del fiume Po (AdBPo), Mario Clerici di Regione Lombardia, Vittoria Montaletti della Regione Emilia, Emanuele Emani del Comune di Villanova D’Arda, Pierluigi Fontana del Comune di Castelvetro Piacentino, Giovanni Leoni del Comune di Casalmaggiore, Roberto Lazzari del Comune di Spinadesco, Roberto Mariani del Comune di Stagno Lombardo e per il Consorzio DUNAS, Andrea Guereschi dell'Ordine degli ingegneri di Cremona, e Marco Ruffini del Consorzio Naviglio Città di Cremona.

Dal confronto sono emersi alcuni importanti argomenti che saranno trattati in ulteriori consultazioni con i portatori di interesse. In particolare ci si è soffermati sui quanto emerso dall’incontro tenutosi nei giorni scorsi a Bologna, nella sede della Regione Emilia Romagna, presente l’Assessore ai Trasporti di Regione Lombardia Claudia Maria Terzi, per affrontare le questioni legate alle infrastrutture con particolare riguardo ai collegamenti ferroviari e ai ponti. Tra gli argomenti trattati, la ciclovia VenTo, che vedrà la creazione di un percorso ad anello che consentirà la connessione tra la sponda destra e quella sinistra del Po, la candidatura della Media Valle del Po al Mab UNESCO, il Manifesto per il Po, la Consulta delle Tredici Province del Po.

Sono stati portati all'attenzione del Comitato alcuni aspetti riguardanti la sicurezza idraulica e per questo è stata stabilita la definizione di un accordo e di linee guida per la manutenzione ‘leggera’ delle sponde, identificazione e uniformità delle linee comuni di prescrizioni costruttive, incremento resilienza alle alluvioni anche attraverso pianificazioni condivise, mappatura e condivisione delle informazioni sui punti di scarico esistenti su entrambe le sponde, campagne di educazione ambientale. Sono stati inoltre affrontati i temi relativi alla fruizione del fiume, come la pesca e lo sviluppo del turismo connesso alle offerte del territorio perifluviale e le problematiche legate alla navigazione turistica. Su quest’ultimo argomento è intervenuto, tra gli altri, il capitano Federico Molinaro che ha illustrato le principali regole della navigazione in acque interne. Tutti gli intervenuti hanno apprezzato gli sforzi fatti fino ad oggi confermando l’interesse per il percorso intrapreso e la volontà di pervenire entro tempi brevi alla sottoscrizione del documento del Contratto di Fiume.

“Il Contratto di Fiume è un primo importante passo nella direzione della piena valorizzazione culturale del Po”, dichiara l'Assessore al Territorio Andrea Virgilio, che aggiunge: “Solamente unendo le forze è possibile creare la giusta sinergia per far conoscere il nostro fiume: da soli, infatti, non si va da nessuna parte. Nel Contratto di fiume c’è una visione politica per l’oggi e per il domani, con la consapevolezza e l'orgoglio di ciò che siamo, un’unica valle, con un bacino grandissimo e unico al mondo, ricco di arte, storia, cultura, ambiente e gastronomia”.

 

118 visite

Articoli della stessa categoria