Lunedì, 20 settembre 2021 - ore 21.28

Cremona Salute mentale,lavoro vero che aiuta cura Concluso progetto di Varietà

Il progetto è stato finanziato da Fondazione Città di CremonaLavorare aiuta a stare meglio.

| Scritto da Redazione
Cremona Salute mentale,lavoro vero che aiuta cura Concluso progetto di Varietà Cremona Salute mentale,lavoro vero che aiuta cura Concluso progetto di Varietà

Cremona Salute mentale, il lavoro vero che aiuta la cura Concluso il progetto di Varietà

Il progetto è stato finanziato da Fondazione Città di CremonaLavorare aiuta a stare meglio.

E vale anche per le persone che hanno un disagio psichico. Lo ha dimostrato, ancora una volta, la Cooperativa Varietà che da anni si occupa di salute mentale e di percorsi di inclusione, attraverso il progetto, appena concluso, denominato “Goal. Giovani Obiettivo Autonomia&Lavoro” e finanziato dalla Fondazione Città di Cremona. 

L'iniziativa, partita a ottobre 2019 e terminata a dicembre 2020, nonostante le interruzioni a causa del covid, ha coinvolto sei utenti, di cui cinque sotto i 36 anni, che frequentano i servizi della Cooperativa Varietà e sei importanti partner: Asst di Cremona, Consorzio Sol.Co. Cremona, Consorzio Mestieri Lombardia, Seminario Vescovile di Cremona, Cooperativa Sociale Gruppo Gamma e Cooperativa Sociale Borea. Ogni utente, grazie al progetto, ha avuto modo di compiere una vera e propria “formazione sul campo” con il proprio tutor, in situazioni lavorative di assoluta normalità, e di ricevere una borsa lavoro, in base al progetto individuale elaborato insieme agli enti competenti.

E così ad M.G. è stato proposto un tirocinio nell'ambito della ristorazione, inerente con il percorso di studi, F.M. è stato inserito nelle attività di segreteria del Liceo Vida presso il Seminario Vescovile, G.F. si è sperimentata al BonBistrot, il bar ristorante gestito dalla Cooperativa Varietà al Civico 81 di via Bonomelli. B.A., invece, ha fatto una esperienza alla Caffetteria del Museo, presso il bar attivo nei prestigiosi spazi del Museo Civico, B.S.A. è stato positivamente inserito nella realtà del BonBistrot ed è in attesa di ricominciare in base alle limitazioni covid, F.D., dopo il tirocinio, è stato dimesso dalla comunità, è rientrato in famiglia e ha trovato lavoro presso una realtà nel bresciano, dove vive. Queste sono le storie di inserimento lavorativo appartenenti al progetto Goal. Tra il 2019 e il 2020, poi, nelle attività di ristorazione di Varietà sono stati inseriti altri sette utenti, tutti con problematiche psichiatriche, sei dei quali di età compresa tra i 25 e i 45 anni. Di questi sette, uno è stato assunto part time a 20 ore nel corso del 2020 e uno sarà assunto part time a 30 ore nei primi mesi del 2021.

“Il Progetto Goal, per il quale ringraziamo ancora Fondazione Città di Cremona - è il commento della Cooperativa Varietà - ha sicuramente dato impulso al processo di formazione al lavoro e di inserimento lavorativo dei giovani pazienti psichiatrici. Un processo che continuiamo a portare avanti nella convinzione che il lavoro, quello vero, sia essenziale nei percorsi di cura e accompagnamento delle persone con problemi di salute mentale. Un'occasione di crescita e di riscatto per loro e per tutta la comunità”. Anche questa volta il binomio lavoro e inclusione ha fatto centro. Ha fatto goal.

421 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online