Lunedì, 18 gennaio 2021 - ore 21.49

Cremonese-Ascoli (1-2) Sunti rabiit tame 'n biss di Giorgio Barbieri

Sunti rabiit tame 'n biss. Pensavo di avere visto la più brutta Cremonese nelle gare interne con Pro Vercelli e Entella. Invece oggi i grigiorossi hanno superato il limite, lasciando anche all'Ascoli tre punti ed una fetta di speranza di raggiungere la salvezza.

| Scritto da Redazione
Cremonese-Ascoli (1-2) Sunti rabiit tame 'n biss  di Giorgio Barbieri Cremonese-Ascoli (1-2) Sunti rabiit tame 'n biss  di Giorgio Barbieri

Cremonese-Ascoli (1-2) Sunti rabiit tame 'n biss  di Giorgio Barbieri

Sunti rabiit tame 'n biss. Pensavo di avere visto la più brutta Cremonese nelle gare interne con Pro Vercelli e Entella. Invece oggi i grigiorossi hanno superato il limite, lasciando anche all'Ascoli tre punti ed una fetta di speranza di raggiungere la salvezza.

Salvezza che a questo punto non mi sembra più tanto vicina per una Cremonese in caduta libera. L'ultima vittoria risale alla prima del girone di ritorno con il Parma. Poi otto pareggi e sette sconfitte. Peggio non ha fatto nessuna altra squadra. Il problema è che non si parla di partite sfortunate o girate male. E' crisi totale: di idee, di gioco, di tenuta fisica, di carattere. L'Ascoli ha vinto meritatamente (avrebbe potuto segnare anche un altro gol in tre occasioni) contro una squadra che farebbe fatica anche in serie C. Ed è giusta la contestazione dei tifosi della curva 'Favalli', che sono stati bravi a manifestare il loro disappunto solo al fischio finale confermando ancora una volta di avere la testa sulle spalle. Hanno mille ragioni per non essere contenti delle prestazioni della loro squadra. Loro, che non l'hanno mai abbandonata e non la abbandoneranno mai.

Una partita che dopo il vantaggio (1-0 all'8') doveva solo essere gestita nel migliore dei modi. Invece Renzetti, prova pessima, prima si fa scappare l'uomo e poi lo tocca in area regalando il calcio di rigore ai bianconeri. Inutile prendersela con l'arbitro (che pure è stato ben al di sotto della sufficienza), Renzetti tocca Florio (che esagera nella caduta) e il rigore ci può stare. Da quel momento è stato solo Ascoli (che comunque non sarà terzultimo per nulla), con i nostri a sbagliare passaggi elementari, a servire all'indietro palloni corti per il portiere, a lanciare in avanti senza una minima idea di gioco , ad arrivare sempre secondi sulla palla. Si pensava che l'intervallo servisse per riordinare le idee. Anche a Tesser, che è in un momento di grande difficoltà. E si vede. Invece al 6' è arrivato il gol del 2-1 con Monachello (che aveva già segnato il calcio di rigore) bravo a farsi trovare libero davanti a Ujkani e a trafiggerlo con un tiro preciso. Poi tanti errori degli ascolani per chiudere il conto, E la Cremo, nonoistante le tre punte in campo, ha prodotto solo un colpo di testa parato facile da Agazzi.

Trovare uno che si è salvato è difficile. Ma ci provo. Direi sufficienza appena appena per Ujkani, Marconi, Macek, Castrovilli e Camara (per il gol). Poi buio totale, tutti dietro la lavagna. Con Renzetti, Arini, Cinaglia e Gomez ancora più giù.

E adesso? Indossiamo le cinture di sicurezza sperando di trovare un appiglio che riesca a non farci precipitare nel burrone dritti filati. Magari non lo vediamo, ma potrebbe esserci.

555 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online